Aikikai Foundation International Regulations

Regole Internazionali dell'Aikikai Hombu Dojo

Regolamento Internazionale dell’Aikikai Hombu Dojo

AIKIKAI FOUNDATION AIKIDO WORLD HEADQUARTERS – INTERNATIONAL REGULATIONS

[Promulgated: Showa 55 (1980) May 10]
[Revised : Showa 63 (1988) December 1]
[Revised : Heisei 12 (2000) October 1]

Chapter 1 : GENERAL PRINCIPLE

Article 1 : AIM
1. The Aikikai Foundation – Aikido World Headquarters, in order to spread Aikido in countries throughout the world and to have a system which works smoothly, hereby lays down International Regulations.
2. The Aikikai Foundation Aikido World Headquarters shall be referred to hereinafter as the Hombu.

Chapter 2 : RECOGNITION BY THE HOMBU OF AIKIDO ORGANIZATIONS IN A GIVEN COUNTRY

Article 2 : HOMBU RECOGNITION
1. The Hombu will give Hombu Recognition to an Aikido organization which it judges to have satisfied the following conditions. If more than one Aikido organization exist in a country due to national law and/or rules or any other reason the Hombu admits as appropriate, Hombu Recognition can be given to those organizations.
(1) The relevant Aikido organization has been established legally and has had more than five years of substantial Aikido activity since it’s establishment. It is not a single dojo of an individual person.
(2) The relevant Aikido organization has more than one affiliated dojo open to the public, and holds activities throughout the year.
(3) The head of management or the chief of Aikido instruction of the relevant Aikido organization (hereinafter referred to as the Person in Charge) is 4th dan or above. The Person in Charge is a permanent resident of the country of that organization.
(4) The relevant Aikido organization has more than one holder of 2nd dan of Aikido or above, who will assist the Person in Charge in establishing the committees for instructing and dan/kyu grading examination.
(5) The relevant Aikido organization has established a Headquarters, Regulations and a Directing Committee.
(6) Issuing of Hombu Recognition to the relevant Aikido organization will not cause any confusion or problem in the organization’s country.
2. An Aikido organization which has been given Hombu Recognition will represent its country in international Aikido activities. If more than one Aikido organization with Hombu Recognition exists in a country, those Aikido organizations should, if necessary, coordinate and cooperate with each other for domestic and international Aikido activities as appropriate in an amiable and timely manner based on the Aikido spirit established by the Founder of Aikido.
3. An Aikido organization which has been given Hombu Recognition may be eligible to perform the following activities. The extent of possible activities depends on the dan rank of the Person In Charge.
(1) Issuing of kyu grades (See Article 14)
(2) Examination of dan grades (See Article 9.1)
(3) Application for the registration of dan grades (See Article 8)
(4) Application for the examination of dan grades ( See Article 9.1)
(5) Application for the recommendation of dan grades (See Article 9.2)
(6) Certification of instructors (See Article 17)
(7) Receiving assistance from the Hombu
(8) Joint activities with the Hombu concerning Aikido
4. With respect to an Aikido organization which has not been given Hombu Recognition in accordance with Article 2.1 because it does not satisfy the conditions for Hombu Recognition, the Hombu will, if it deems necessary, give instruction to enable it to fulfill the conditions for Hombu Recognition, and assistance in developing the organization. Furthermore, matters concerning dan grades, are subject to the provisions of Article 6.1. In this case, “Hombu Recognition” is to be read as “subject to the provision of Article 2.4, and examination for dan grades will be conducted by the Hombu or a person delegated by the Hombu.

Article 3 : ISSUANCE OF CERTIFICATES
To an Aikido organization which has been given Hombu Recognition, a Certificate of Hombu Recognition will be issued through established procedure.

Article 4 : MATTERS TO OBSERVE

1. An Aikido organization which has been given Hombu Recognition must adhere to the following principles.
(1) An Aikido organization which has been given Hombu Recognition must respect and follow the spirit of Aikido established by the Founder, Ueshiba Morihei, and basic principles concerning the dissemination of Aikido established by the Hombu.
(2) Dan grades are legitimated by the Doshu of Aikido. An Aikido organization which has been given Hombu Recognition must hold in esteem the Aikido dan grades legitimated by the Doshu. The members of that organization must obtain dan grades to be legitimated by the Doshu and registered at the Hombu regardless of a situation in which national dan grades are issued by the country or government due to the national legislation or some other reason.
(3) An Aikido organization which has been given Hombu Recognition shall establish a teaching system and examination structure for dan and kyu grades, such as an Instructing Committee and a Dan/Kyu Examination Committee.
(4) An Aikido organization which has been given Hombu Recognition must keep close contact with and cooperate with the Hombu and also with the instructor(s) dispatched by the Hombu staying in its country. Also it shall coordinate and cooperate with the Hombu regarding the acceptance of instructor(s) to be dispatched by the Hombu for a short period.
(5) An Aikido organization which has been given Hombu Recognition shall keep contact, coordinate and cooperate, as appropriate, with other Aikido organization(s) in its country to promote friendly relations. Also it is recommended that a type of umbrella organization for those Aikido organizations should be established.
(6) An Aikido organization which has been given Hombu Recognition shall abide by the provisions of this Regulation in addition to the items mentioned above.
2. An Aikido organization which has been given Hombu Recognition must submit to Hombu a written agreement mentioning (1) through (6) of the Article 4.1 above.

Article 5 : CANCELLATION OF HOMBU RECOGNITION
In a case where an Aikido organization with Hombu Recognition violates the provisions of these Regulations and creates serious obstacles for the dissemination of Aikido by the Hombu, the Hombu will, both verbally and in writing, urge the adherence to the provisions of these Regulations. If the organization does not demonstrate to do so, Hombu Recognition may be cancelled. The qualifications of the Aikido organization (Chapter 4) will cease to exist.

Chapter 3 : DAN GRADES AND KYU GRADES

Article 6 : DAN GRADES
1. Dan grades are awarded to Aikido practitioners who belong to Aikido organizations with Hombu Recognition in accordance with their general ability and achievements or accomplishment.
2. Dan grades are from 1st dan to 8th dan.

Article 7 : LEGITIMATION
Dan grades are legitimated by the Doshu of Aikido.

Article 8 : APPLICATION AND REGISTRATION
1. Dan grades must, in all cases, be applied for to the Hombu.
2. Dan grades become valid after they have been registered at the Hombu.

Article 9 : QUALIFICATIONS FOR CONDUCTING EXAMINATIONS AND MAKING RECOMMENDATIONS
1. An Aikido organization with Hombu Recognition, when its Person in Charge is 6th dan or above, may conduct examinations from 1st dan to 4th dan. When the Person in Charge is 4th dan or 5th dan, it may conduct examinations from 1st dan to 3rd dan. In the case of a 4th dan examination, an application to Hombu must be made. and the examination will be conducted by the Hombu or a person delegated by the Hombu.
2. With respect to 5th dan and 6th dan, decisions will be made by the Hombu. However, if the Person in Charge of an Aikido organization with Hombu Recognition is 6th dan, an application for recommendation up to 5th dan can be made to the Hombu . If Person in Charge is 7th dan, application for recommendation up to 6th dan can be made.
3. Discussions relating to 7th dan or above are settled separately.

Article 10 : METHOD OF EXAMINATION
The method of dan grade examination is based on the Examination Regulations of the Hombu. However, some changes are to be allowed if there is a reason for them.
Article 11 : ADMISSION TO THE HOMBU
All practitioners of Aikido must become members of the Hombu at the time of the registration of the 1st dan grade or earlier.

Article 12 : DAN GRADES CERTIFICATES
1. Dan grade certificates are issued when an application for registration is made through the established procedure.
2. Dan grades certificates are written in Japanese.

Article 13 : INTERNATIONAL YUDANSHA CERTIFICATION
1. Yudansha must possess an International Yudansha Certificate issued by the Hombu.
2. International Yudansha Certificates are sent together with the dan grade certificates.

Article 14 : KYU GRADES
With respect to kyu grades, an Aikido organization with Hombu Recognition may conduct examinations and can issue kyu grade certificates.

Chapter 4 : QUALIFICATIONS OF INSTRUCTORS

Article 15 : QUALIFICATIONS OF INSTRUCTORS
1. With respect to an Aikido organization with Hombu Recognition, the qualifications for instructors are as follows:
(1) Shihan
(2) Shidoin
(3) Fukushidoin
2. The titles for instructors’ qualification are written in Japanese.

Article 16 : SHIHAN
1. The Hombu examines and appoints Shihan from among persons who are 6th dan or above, and who are proficient in practice and instructing.
2. To the appointed person, a Certificate of Appointment is awarded by the Hombu.

Article 17 : SHIDOIN AND FUKUSHIDOIN
1. An Aikido organization with Hombu Recognition is to have a system for qualifying Shidoin and Fukushidoin.
(1) Shidoin are persons of 4th dan or above
(2) Fukushidoin are persons of 2nd dan or 3rd dan
2. An Aikido organization with Hombu Recognition can issue a Certificate of Appointment to those whom it has appointed Shidoin and Fukushidoin.
3. An Aikido organization with Hombu Recognition must report to the Hombu the name and dan grades of those whom it has appointed Shidoin and Fukushidoin.

Chapter 5 : SUPPLEMENTARY RULES

Article 18 : INSTRUCTION COMMITTEE, DAN/KYU EXAMINATION COMMITTEE
An Aikido organization with Hombu Recognition must inform Hombu of the establishment of an Instructing Committee and a Dan/Kyu Examination Committee, in accordance with Article 4.1.(3).

Article 19 : DAN GRADING EXAMINATION
If an Aikido organization with Hombu Recognition conducts dan examinations in accordance with Article 9.1, and problems arise for some reason, it is to receive instruction from the Hombu.

ADDITIONAL RULES
1. The status of Aikido organizations which were regarded as if they were Aikido organizations with Hombu Recognition before these Regulations were amended will not be affected.
2. These regulations will be in effect from the date of amendment, October 1, 2000.

PDF DOCUMENT

Fonte: http://www.aikikai.or.jp/eng/regulation/international.htm

Aikido Lifetime Experience in Japan – A Memory

Hiroshi Tada 50th Anniversary in Gessoji Dojo

Hiroshi Tada 50th Anniversary in Gessoji Dojo

Originally published in 2002 by an Irish newspaper, this is a vivid memory of a typical martial arts trip to Japan

“I am just back from Japan. Yes, believe me, a lifetime experience”. This is the answer that 5th Dan Aikido of Organisation of Ireland Head Instructor Simone Chierchini repeated to his many students and friends around the Irish Northwest welcoming him home. Simone rejoined the Aikido Organisation of Ireland activities at the beginning of November (2001 Ndr) following his two weeks instruction trip to the Aikido World Headquarters in Tokyo, Japan. At the beginning of September Simone got an official invitation by the Aikido World Headquarters in Tokyo to take part to the celebrations in occasion of the 70th Anniversary since the establishment of the Aikikai Hombu Dojo. He was to represent Ireland at the celebration and that would also give him the chance to train at the Hombu Dojo for the third time in the last 20 months.

The invitation was cause of huge pride to all Sligo Aikido practitioners. Simone was going to be with the best Aikido people in the world and do his part as a result of his efforts in Sligo and the Northwest. An incredible achievement for him and his students.

Fundraising activities were promptly organised to finance Simone’s participation and thanks to the generosity of sympathisers and sponsors and a greatly successful table quiz held in The Harp Tavern, a convenient sum was raised and jointly with the Sligo Aikikai own resources the trip became a reality.

As said earlier, this was Simone’s third trip to Japan in the last 20 months. Like the previous times he attended intensive training at the Aikido World Headquarters. Each day Simone started his schedule at 6.30 in the morning attending a most interesting class under the instruction of Doshu Moriteru Ueshiba, Aikido World Chief Instructor. Many foreign high ranked practitioners present in Tokyo for the 70th Anniversary celebrations would join the activities every morning alongside local yudansha, to  make training of consistently high quality. As Simone is well known to Doshu Ueshiba since 1982, he always enjoyed special attention and personal advice by Doshu, who asked Simone of the achievements of the Aikido Organisation of Ireland and about Ireland itself.

With Hiroshi Tada Shihan at the 70th Anniversary of Aikikai Foundation

With Hiroshi Tada Shihan at the 70th Anniversary of Aikikai Foundation

The second class of the day at Hombu starts at 8 am and is taken alternatively by top Sensei like Yokota, Endo and Seki to mention a few. They are the cream of the Aikido Instructors in Japan. Particularly Yokota Sensei’s impressive moves and powerful style gained Simone’s respect and attention. Most of the new Aikido material he brought back to the Sligo Aikikai originates from Yokota Sensei.

At lunch time it was time for Simone to travel to Kawasaki City, about one hour away from Tokyo city centre by subway. In Kawasaki Simone attended training with sword fighting Sensei Yakuhiro Sugino 9th Dan. Sugino Sensei is the Head of the Katori Shinto Ryu, an ancient and very respected style of Sword-fighting (ken-jutsu) still in activity since 1450. His Dojo is in traditional style and the atmosphere in it is strict like in the old days. Sugino Sensei is also the head of the Kawasaki Aikikai and holds a 7th Dan in Aikido.

Under Sugino Sensei’s direction Simone practiced quick drawing techniques (iai-jitsu), as well as paired sword-fighting (ken-jitsu), and stick fighting (bo-jitsu). All the techniques he was shown recall their origin in 15th & 16th centuries and can only be taught to the initiates of the Katori Shinto Ryu School. The only Irish section of this school is active in Sligo under Simone Chierchini. Tuition is open to a handful of selected Aikido students of proven maturity and high technical standard.

After getting some rest, Simone would then move on to get further training alternatively in 9th Dan Tada Hiroshi Sensei’s own club, the Gessoji Dojo, a wonderful training space situated inside a Shinto Shrine, or in Ichikawa visiting 6th Dan Jun Nomoto Sensei, or finally training alongside college students at Meiji University.

Tada Sensei is one of the most famous Aikido Sensei in the world. 72 years old, over 60 years in martial arts, a direct pupil of the founder of Aikido, he is a man of charisma and power unusual even in a master 30 years younger. He was particularly fond of seeing Simone in Tokyo, whose parents – both formerly involved in Aikido – he had first met in Rome in October 1964 when Simone was a few days old.

Nomoto Sensei’s dojo instead is a typical town Aikido club, populated by ordinary people and boasting a huge hoard of 120 kids in their uniform. Nomoto Sensei’s manners are extremely friendly yet is Aikido is surprisingly powerful. He loves to train and also to build up with his students a warm atmosphere in the dojo and after it in the izakaya, the Japanese versions of a pub. “Be careful when you come to visit the Nomoto Dojo” he likes to boast. “Practice is fine, it’s after that we become dangerous!” he laughs alluding to the enormous quantities of beer they can make disappear.

In Kawasaki City with Yakuhiro Sugino Sensei

In Kawasaki City with Yakuhiro Sugino Sensei

College students in Meiji University train Aikido in a very hard and army style way. They treated Simone with absolute respect and devotion, carrying his bag, folding his clothes, supplying clean and warm towels, etc. and also organising generous quantities of food, beer and sake after training. Meiji University former member Asai Sensei 7th Dan, now Chief Instructor of Germany Aikikai was present for the occasion and gave a special class enjoyed by all.

The special celebration for the 70th Anniversary of the Aikido Headquarters was held on Sunday 21st October and about 2000 delegates congregated to make the event an absolute success. Simone caught the occasion to invite Jun Nomoto Sensei to teach a week long Aikido seminar in Sligo. Nomoto Sensei thankfully accepted the invitation and hopefully will be the second Japanese top Aikido Sensei to held an instruction course in Sligo next year alongside Fujimoto Sensei 7th Dan. A schedule as rich as one would find in big Aikido locations like London or Paris.

Wherever Simone trained, he was made to feel welcome and he said he found himself at ease in Aikido terms. He brought the name of Sligo and Ireland to Tokyo and shared his love and appreciation of the Irish ways with all his many new Japanese friends.

For more pictures of my  2001 Japan trip check:

SIMONE CHIERCHINI’S VISUAL CURRICULUM (1999-2005)

First published on the web at: http://sportales.com/martial-arts/aikido-lifetime-experience-in-japan-a-memory/#ixzz2NV6eQkMb

Mi Chiamo Fuori…

Mi Chiamo Fuori…

Ci sono dei momenti nella vita in cui si ripensa alle proprie scelte, al lavoro fatto e ai risultati finora conseguiti. Alcuni sono contenti di trovarsi dove sono, altri non si pongono neppure la questione, certi sono scontenti ma cementati sul posto, pochi continuano a muoversi

di SIMONE CHIERCHINI

Tanto la mia uscita dall’Irlanda – sia come paese che come comunità aikidoistica – quanto il mio rientro in Italia nel mese di giugno 2009, sono stati per me eventi dalle profonde ripercussioni culturali e psicologiche.

Lasciando da parte i fatti personali e le turbative socio-generazionali, in Aikido, dopo quasi 15 anni in Irlanda, ho lasciato un paese cui ho dato tanto, ricevendone in cambio con il contagocce, fiero comunque del mio percorso. Una volta tornato a casa, nel Belpaese ho finito per trovarmi del tutto straniero nell’associazione che la mia famiglia ha contribuito a creare, forgiare, sviluppare e dirigere per circa tre decenni.

Quello che oggi è l’Aikikai d’Italia, il modo in cui è gestita, il sistema non-sistema di selezione della classe tecnico-dirigente, il suo metodo di insegnamento (quale?), l’arroganza miope dei vertici vecchi e nuovi, l’atmosfera generale da Ministero Bizantino dell’Aikido mi sono totalmente alieni.
Diversi amici e colleghi tra i più illuminati con cui ho condiviso queste sensazioni mi hanno guardato un po’ sorpresi e mi hanno detto che questa associazione è sempre stata così, che non ci sono stati cambiamenti significativi di alcun tipo nell’ultimo ventennio, se non l’invecchiamento di chi gestisce la struttura, con conseguente irrigidimento (tutt’altro che aikidoistico) dei suddetti e dei loro delegati. Quelle elencate sopra sono le caratteristiche da sempre in essere nella fibra che costituisce questo ente, dicono gli amici, quindi perchè mi scaldo tanto?
Già sento l’eco dei cosiddetti eminenti grigi dell’Aikikai d’Italia, dalle loro stanzette di consiglio, nelle quali hanno sviluppato una disponibilità allo scambio dialettico con chi non è d’accordo con loro inversamente proporzionale alla loro capacità di connettersi con gli insegnanti sul territorio, e riassumibile nel seguente: “Ma che vuole quel rompiscatole di Simone Chierchini? Perchè non se ne è restato in Irlanda? Crede di poter parlare solo perchè si chiama Chierchini? O tace o gli facciamo causa!”. Minaccia, questa, peraltro già pervenutami in passato, per un articolo da niente, con lettera firmata dal Presidente dell’Aikikai d’Italia Franco Zoppi.

“State tranquilli: non voglio piu’ niente”

State tranquilli: non voglio più niente. Non è mia intenzione, né aspirazione, far perdere iscritti all’Aikikai d’Italia, “ledendone il buon nome”.
Da quando ho fondato questo blog mi sono sforzato al meglio delle mie capacità di seguire una linea omnicomprensiva, al di sopra delle barricate, seguendo un’ispirazione di stampo giornalistico anglo-sassone, parlando e facendo parlare tutti di tutto, in tono pacato, armonioso, e spero competente. Ho lasciato ai siti istituzionali delle varie associazioni la propaganda sulla bontà vera o presunta delle loro scelte tecnico-didattiche. Ho volutamente evitato che Aikido Italia Network si trasformasse nell’ennesimo blog in cui il saccente di turno parla sempre male di tutti, mentre ciascuno insulta tutti quelli che non la pensano come lui; questo anche a costo di bandire taluni dalle discussioni, a prescindere dal grado, facendomi così le ennesime inimicizie.

Dubito che qualcuno mi potrà dare del fazioso, e in ogni caso io so di non esserlo e tanto mi basta.

Tornando a quel che si diceva sopra, la mia posizione è la seguente: le associazioni sono, per legge, comunioni di persone che hanno deciso di riunirsi per un fine comune. Se la gente continua a restare dentro all’Aikikai d’Italia, se essa è ancora di gran lunga la maggiore associazione di Aikido in Italia, significa che i suoi insegnanti aderenti sono felici di come vanno le cose al suo interno, e io faccio a tutti loro i miei migliori auguri per un prospero futuro nell’Aikido.
Purtroppo per me, invece, i miei di occhi sono cambiati. Da buon allievo che ha bene o male lavorato per oltre 40 anni sui tatami del Budo, la mia vista si è sviluppata, e il mio olfatto pure, e al mio ritorno dalla verde Irlanda ho sentito una clamorosa puzza di bruciato. Sono sicuro di non essere l’unico, fra gli insegnanti, ma magari la genetica mi ha dotato di un cuore più grande, non facendomi capire cosa significhi aver paura; inoltre l’omertà nella mia personale religione è peccato mortale.

E come giornalista dell’Aikido, e uomo cui non è mai dispiaciuto di essere non allineato, per amore di informazione devo farvi partecipi di alcuni fatti.

L’Aikikai d’Italia fin dalla sua fondazione – parlo con cognizione di fatto, dato che uno con il mio cognome fra i soci fondatori c’era – è nata non per diffondere e sviluppare l’Aikido in Italia, ma per salvaguardare il lavoro di una sola persona, per difendere la sua particolarissima visione dell’Aikido, che non ha MAI avuto nulla a che fare con quella dell’Aikikai Hombu Dojo in generale, né tanto meno con quella della scuola di Iwama.

Pensate che sono un eretico o che semplicemente sono impazzito?

Liberissimi di pensarlo; se vi disturba quello che dico smettete di leggere. Ricordatevi pero’ che sapere è potere, quindi, come ho fatto io, potete informarvi. Ci sono i documenti, le testimonianze scritte e le persone cui domandare. Chiedete. Allora vedrete chi è il pazzo…

Maestro e Allievo a Iwama

In Italia noi abbiamo fatto DA SEMPRE un Aikido che è frutto degli studi e delle interpretazioni personalissime di un super Shihan, ma pur sempre le sue, ripeto, lontane, assai lontane da quello che il Fondatore ha insegnato ogni giorno a Iwama per 26 anni a chi ha voluto esserci, per scelta, rimanendo accanto al proprio maestro, ogni giorno.

Morihei Ueshiba viveva a Iwama e lì insegnava. A Tokyo ci andava se e quando poteva e di certo non vi ha mai insegnato quotidianamente dopo la fine della seconda guerra mondiale. Chiunque dica di essere un allievo diretto del Fondatore e abbia iniziato dopo il termine del conflitto non può negare che l’unico vero allievo diretto di O’Sensei, l’unico che abbia praticato con lui ogni giorno per 26 anni, zappando inoltre i suoi cavoli nell’orto e ritrovandogli gli occhiali quando li perdeva in giro per il podere è Morihiro Saito Sensei.

Questo è un fatto storico innegabile.

Gli altri “allievi diretti” hanno visto il Fondatore se, quanto e quando hanno voluto, preferendo rimanere nella capitale a “gestire” l’enorme patrimonio marziale che continuava a scaturire quasi inesauribile da Morihei Ueshiba, riciclando i suoi insegnamenti a loro uso e consumo.

Gli scatti d’ira di O’Sensei all’Hombu Dojo sono rimasti leggendari; perché si arrabbiava così tanto? L’aria della capitale gli faceva salire la pressione sanguigna? O forse il maestro non era particolarmente contento di vedere cosa venisse insegnato a casa sua in sua assenza?

Comunque sia, il risultato di questa dicotomia fra ciò che veniva insegnato dal Fondatore a Iwama e quello che di ciò ne veniva fatto a Tokyo, è stato che oggi, in giro per il mondo, pochi fanno l’Aikido del Fondatore.

Infatti gli shihan successivamente delegati alla diffusione dell’Aikido da parte dell’Hombu Dojo – peraltro degli eroici missionari che hanno portato il verbo aikidoistico in giro per il mondo quando non interessava ancora a nessuno – hanno fatto il loro mestiere a metà, e non perché non volessero fare del loro meglio, ma perché non erano ferrati o non hanno voluto utilizzare per motivi politici il metodo che O’Sensei insegnava quotidianamente nel dopo guerra. Il sistema di base per l’apprendimento dell’Aikido esisteva ed esiste, è lì, bello strutturato, a disposizione di chi vuole usarlo: è il sistema di Iwama, e lo ha progettato con cura maniacale Saito Sensei a casa e nel dojo del Fondatore, sotto il suo sguardo e con la sua approvazione. Ma nelle associazioni nazionali di derivazione Aikikai Hombu Dojo – come anche all’Hombu Dojo – non si insegna e non si è mai voluto insegnare. Il perchè chiedetelo a loro.

Cosa si insegna al suo posto? Una vaporosa marmellata di seconda o terza mano di quello che lo shihan nazionale di riferimento ha ritenuto opportuno (o è stato capace di) insegnare. Ognuno poi nel suo dojo fa più o meno come gli pare, quando gli pare e se gli pare. Che io sappia questa è l’unica arte marziale, o arte, in cui gli insegnanti non sanno esattamente cosa insegnare, né quando.

Nelle lezioni di Aikido, anche di insegnanti titolati, si vede spesso l’equivalente di una mistura mal calibrata di un po’ di algebra, un tantino di Shakespeare e poi qualche esercizio per imparare a tracciare le lettere dell’alfabeto, a seconda di come l’insegnante si alza alla mattina. Sarebbe come se ogni maestro di scuola si arrogasse l’arbitrio di decidere se, come, cosa e quando insegnare ai poveri allievi. Per fortuna per questo esistono i programmi ministeriali.

Iwama Ryu Bukiwaza Mokuroku: il catalogo-certificazione delle armi dell’Aikido secondo Iwama

Nelle arti marziali giapponesi classiche esiste un programma di allenamento preciso e rigido e a nessuno verrebbe mai in mente di insegnare fuori dallo schema dato dalla scuola. Seguendo lo schema dato, generazioni di praticanti hanno avuto la possibilità di toccare i vertici dello scibile di quel campo, aggiungendo all’impasto il loro impegno indefesso e continuo, speso nella convinzione della bontà della tradizione della scuola medesima. Nel Katori Shinto Ryu lo fanno da diversi secoli, tanto per fare un esempio. Anche a Iwama il Fondatore seguiva un suo personale schema didattico, rimanendo, almeno in questo, nel solco delle arti marziali classiche giapponesi.

A questo punto, a chi è curioso di natura raccomandiamo di dare un’occhiata al programma di una qualsiasi associazione che segua la linea di Saito Sensei per rendersi conto che, in termini di didattica, dalle nostre parti qualcosa è sempre stato assolutamente fuori posto.

Se poi si va a praticare assieme agli allievi di linea Saito, dato che non mordono e sono spesso nostri vicini di casa, amano l’Aikido come noi, e sono serissimi nella loro pratica (e inoltre tengono spesso seminari di altissimo livello dalle Alpi alla Sicilia), è anche possibile provare con mano la loro marzialità, il loro rispetto assoluto per la tradizione dell’arte, la loro precisione tecnica, la loro minuta cura dei dettagli, la loro conoscenza esatta di cosa viene prima e di cosa viene dopo, cosa è base e cosa è avanzato, e cosa è un non-necessario vaniloquio egocentrico dello shihan di turno.

Essi non trascorrono anni agitando in aria un jo nel pedissequo scimmiottamento dei movimenti “creati” dal capo, ma seguono un programma tecnico di armi sapientemente strutturato, che va da zero a un milione, contando ogni numero in mezzo e conoscendone l’esatto significato. E, guarda un po’, si tratta dell’Aikijo e Aikiken (Buki waza) derivato dal Fondatore dell’Aikido, Morihei Ueshiba, del cui nome ci riempiamo spesso a vanvera la bocca.

Io quanto racconto sopra l’ho fatto, e dopo un anno di risciacquar i panni in quel di Iwama, ho deciso che questo è l’Aikido che oggi voglio fare e che avrei sempre voluto fare. Mi ci sono voluti 39 anni di Aikikai per scoprire che esiste un sistema, elaborato dal più diretto, autentico e fedele allievo del Fondatore Morirei Ueshiba, sotto la supervisione del Fondatore stesso, per imparare, sviluppare, comprendere e insegnare l’Aikido originale, ossia quello di chi l’ha concepito, e non quello rielaborato da qualche shihan che vide O’Sensei alla domenica per 3-4 anni.

Peggio per me. Potevo informarmi meglio.

Certo, la mia associazione madre non mi ha mai aiutato, dato che come a me, ha da sempre precluso a tutti i suoi iscritti la possibilità di praticare sotto Morihiro Saito Sensei o chiunque altro della sua linea, all’interno dell’Aikikai d’Italia.

Come? Aprite le orecchie, perché vi riferisco un altro fatto storico innegabile.

Mio padre, Danilo Chierchini, era presidente dell’Aikikai d’Italia quando nel 1984 Paolo Corallini venne a offrirgli su un piatto d’argento l’organizzazione del primo seminario italiano di Morihiro Saito, aggiungendo, come piccolo cadeaux, che lui si sarebbe sobbarcato le intere spese! Il presidente dell’Aikikai d’Italia, Danilo Chierchini, il cui reale potere decisionale era zero, dopo aver sentito chi stava nella stanza dei bottoni, tornò indietro e disse a Paolo Corallini “No, grazie. Non è possibile”.

Da lì partì un muro di ostilità verso tutto quello che proveniva da Iwama via Osimo, un’ostilità che perdura con la stessa pervicacia a tutt’oggi: un maestro, a me altrimenti carissimo, incise su marmo il punto di vista dell’Aikikai d’Italia in proposito, scrivendo sulla rivista Aikido, all’epoca diretta dal sottoscritto, che Saito veniva in Italia a “pascolare nei prati altrui”.

Masakatsu Agatsu, la vera vittoria e’ quella su sé stessi

Anche se la storia ha poi vendicato Paolo Corallini, facendone il primo e unico – per ora – italiano ad aver ricevuto il 7° Dan Aikikai dal Doshu dell’Aikido Moriteru Ueshiba (nonostante le potentissime obiezioni di quella stessa persona che siede nella stanza dei bottoni di cui sopra), 27 anni dopo, all’interno della comunità aikidoistica dell’Aikikai d’Italia i più neppure sanno che cosa sia Iwama, dove sia e cosa rappresenti il suo patrimonio per l’Aikido. Non parliamone poi di lavorare assieme, andando ad apprendere alla sorgente.

Colpa loro, anche se potentemente aiutati nell’errore.

E’ sempre stato così, a tutti i livelli, con una durezza che è il contrario del messaggio dell’Aikido: direttamente o indirettamente questa associazione si è sempre liberata di chiunque non abbia voluto seguire le orme del capo e dei suoi amici. Le associazioni “concorrenti” sono dirette nella maggior parte dei casi da fuoriusciti dell’Aikikai d’Italia, colpevoli di non pensarla sempre e solo come volevano i suddetti, e ingenui abbastanza da pensare che la dialettica assembleare potesse cambiare le cose. Alla fine si sono giustamente scocciati e se ne sono andati, quando non li hanno cacciati prima. Quanti presidenti dell’Aikikai d’Italia, a parte il corrente, sono ancora all’interno dell’associazione? Risposta: zero.

Chi è rimasto, e parlo di quelli che hanno diretto l’associazione sul campo, hanno ufficialmente e politicamente professato lealtà al superiore, salvo poi – a parte rarissime eccezioni – insegnare tutto meno quello che lui proponeva come “sistema”.

Vista dall’esterno, con un occhio mediamente esperto, la situazione didattica dell’Aikikai d’Italia è un marasma assoluto in cui ognuno fa quello che gli pare e i più si barcamenano assecondando i capetti di turno.

Io non ci sarò. Mi chiamo fuori.
Sarò impegnato a studiare, e studierò, per una volta, il sistema di Aikido più vicino possibile a quello di chi l’Aikido l’ha creato. Per farlo, le circostanze mi obbligano a iscrivermi ad un’associazione diversa da quella cui quasi geneticamente mi sento legato. Pazienza. I miei amici e colleghi rimarranno tali, degli altri non mi curo.

Per rispetto alla mia coerenza intellettuale e morale, anche se dirigo e ho diretto uno stage o due in giro fin dal 1992, mi ritirerò dall’insegnamento dell’Aikido al di fuori del mio dojo di Vasto, prendendomi un anno sabbatico, perché andare a insegnare quello che uno sta imparando non è moralmente corretto, oltre che professionalmente disonesto, anche se è una tra le pratiche più diffuse tra i cosiddetti professionisti dell’Aikido di ogni grado e latitudine.

Questo è il motivo per cui io faccio Aikido, imparare e cercar di migliorare umanamente. Arroccarsi sui propri passati errori non è Aikido, ma piuttosto la sua negazione.

Copyright Simone Chierchini © 2011Simone Chierchini
Per le norme relative alla riproduzione consultare
https://simonechierchini.wordpress.com/copyright/

Dante/Iwama Ryu + Calvino/Hombu Dojo = Quadratura del Cerchio

Cerchio, Triangolo, Quadrato

Cerchio, Triangolo, Quadrato

Nel momento in cui il recente articolo di Fabio Branno Ikkyo, Nikkyo e Quaqquaraquà ha creato un diluvio di commenti contrastanti, una semplice addizione sembrerebbe la cura per tutti i mali… è sempre stata lì, ma nessuno ne ha mai voluto usufruire. Noi di Aikido Italia Network camminiamo su questa strada, con la ridotta forza delle nostre corte gambe, ma con tenacia infaticabile

di SIMONE CHIERCHINI

E’ più importante la forma o il contenuto? Diatriba filosofoca questa lunga tre millenni, ma che può’ e deve essere spazzata via con un semplice ragionamento: non c’è forma senza contenuto, e questo non lo hanno deciso gli amanti dell’innovazione, ma madrenatura; d’altronde un contenuto privo di forma, essendo per definizione “informe”, non può essere definito e parlare del nulla è, come minimo, una perdita di tempo.
Tuttavia, la filosofia classica greca ci insegna anche un paio di altri importanti punti che dobbiamo prendere in considerazione se si vuole insegnare qualsiasi soggetto in modo appropriato e rispettando le necessarie concatenazioni logiche. Ogni insegnante – compresi quelli di Aikido – dovrebbe ricordare che la forma viene prima del contenuto (materia) sia dal punto di vista cronologico che ontologico: in relazione alla materia, cioè, la forma esiste precedentemente sia nel tempo che nell’essere, dato che la forma è la causa efficiente della materia, ossia le consente di esistere; inoltre la forma è la causa finale della materia, cioè esprime in concreto, visibilmente, quel fine che dà significato all’esistenza della materia in questione.
Anche a sentire Aristotele, la priorità della forma – come definita sopra – seguirebbe le leggi della logica, in quanto:

“Di ogni cosa si può parlare in quanto ha una forma e non per il suo aspetto materiale in quanto tale”.
Aristotele, Metafisica VII, 1035a

Una volta accertato che non si può insegnare nulla prescindendo dalla forma, in relazione all’Aikido bisognerebbe prima stabilire quale sia la forma da insegnare, quindi come evitare un pluridecennale infognarsi in un tecnicismo senza contenuto.
La soluzione sembrerebbe esser stata sempre lì, a portata di tutti, ma per motivi che ci sfuggono la semplice intuizione che vi proponiamo, e che si manifesta nell’addizione del titolo, non è mai stata praticata con sufficiente convinzione; essa costituisce uno degli elementi fondanti della neonata Aikido Italia Network, e si esprime principalmente nella volontà di fare due cose:
1. Accettare l’idea che in Aikido, come ad esempio nella letteratura italiana, la forma classica esiste e non è in discussione, quindi non è una prerogativa del maestro (quale che sia il suo livello) di fare sempre e solo quello che gli pare: questa forma classica è rappresentata dal variegato mondo dell’Iwama Ryu/Takemusu Aiki. Il contributo di Morihiro Saito Sensei nel sistemare gli insegnamenti del Fondatore, tramandandoli nel futuro, ha lo stesso spessore culturale che nella nostra letteratura hanno Dante-Petrarca-Boccaccio. Chi insegna Aikido dovrebbe capire che ha la responsabilità morale di dedicarsi con impegno maniacale per conoscere alla perfezione personalmente e poi proporre agli allievi lo spirito e la forma dell’Aikido di Iwama.
2. Essendo l’Aikido un organismo vivente, bisogna stare al passo dei tempi, evitando di affossarsi in uno sterile tecnicismo di maniera con l’utilizzo della “letteratura moderna”, Aikikai Hombu-Dojo style, ossia l’Aikido dei vari top Shihan, per fini morali-psicologici-spirituali, così trascendendo tutti i canoni.
Il percorso di cui sopra però funziona solamente se si rispetta un’idea fondante delle arti del Budo tradizionale, cioè che ogni giorno bisogna tornare a Dante (e questo, come si diceva sopra, è Iwama, non la personale visione di un qualche Shihan) e fare estrema attenzione a non riempire la propria testa e quella dei kohai di rigurgiti allucinatori, frutto del proprio vaneggiamento o di quello del proprio insegnante di riferimento, e non di studio logico e coerente in relazione alle premesse dei classici.
Oggi è arrivata l’ora di superare le divisioni fra Tokyo e Iwama, di fare da ponte, creando una nuova mentalità di studio dell’Aikido che poi porti a un nuovo tipo di scuola di Aikido in Italia, ove tradizione e innovazione, forma e contenuto trovino la loro naturale espressione.

Copyright Simone Chierchini © 2011
Per le norme relative alla riproduzione consultare
https://simonechierchini.wordpress.com/copyright/

L’Aikido di Yoshiaki Yokota (1988)

Yoshiashi Yokota tiene lezione presso l'Aikikai Milano (1988)

Ripubblichiamo questa intervista di Simone Chierchini al Maestro Yokota Yoshiaki, originalmente uscita su Aikido nel 1988. Nel frattempo Yokota Sensei, VII Dan Aikikai, si affermato a livello internazionale come uno dei migliori Shihan giapponesi in circolazione

Giunto in Italia un po’ inaspettatamente, il Maestro Yokota, VI Dan, ha potuto offrire il suo Aikido in tre soli dojo del settentrione, lasciando ovunque una buona impressione. “Aikido” ha incontrato per voi questo valido insegnante dell’Hombu Dojo di Tokyo alla vigilia della sua lezione milanese

di SIMONE CHIERCHINI

Yokota Sensei, poco più che trentenne, appartiene alla nuova generazione aikidoistica di alto livello espressa dall’Hombu Dojo. Solido nel fisico e tecnicamente assai dotato, questo Maestro si e’ segnalato nel suo paese già da alcuni anni. Infatti, oltre a dirigere regolarmente un suo corso nell’ambito del nutrito programma del Dojo Centrale giapponese, ha partecipato come assistente al tour aikidoistico in Australia del grande Osawa Sensei, ed e’ abitualmente uke del Doshu Kisshomaru Ueshiba e di suo figlio Moriteru in occasione dei grandi appuntamenti pubblici. Per dare un’idea della dimensione internazionale del Maestro Yokota, da noi ancora poco conosciuto, e’ sufficiente sfogliare l’ultimo libro del Doshu Ueshiba, ove Yokota compare tra gli uke della Guida.

Il Maestro Yokota e’ giunto in Italia in primavera, forse prendendo un po’ di sorpresa i nostri organizzatori, nell’ambito di un suo viaggio alla scoperta dell’Aikido in Europa, nel corso del quale, oltre all’Italia, ha toccato Belgio, Olanda e Yugoslavia. Per lui l’Aikikai d’Italia ha approntato, nel breve spazio di tempo a disposizione, tre lezioni che si sono svolte presso le palestre di Torino, Reggio Emilia e Milano; a questi incontri hanno preso parte complessivamente circa 200 praticanti italiani e l’Associazione prevede in futuro di organizzare un seminario nazionale per dare modo a tutti gli aikidoka italiani di apprezzare le doti del Maestro Yokota. Durante la lezione milanese, alla quale ho partecipato, Yokota Sensei ha fatto vedere un Aikido che nei giorni successivi alla sua esibizione ha fatto discutere  gli allievi negli spogliatoi: si e’ trattato di una solida, secca, vigorosa interpretazione della nostra Arte, che ha lasciato un tantino allibiti i presenti e specialmente i malcapitati uke del Maestro. I nostri insegnanti, a partire dal Maestro Tada, qui in Italia hanno posto le basi per un Aikido dal movimento circolare e fluido, esteticamente affascinante, di elevatissimo livello tecnico, forse difficilmente conseguibile. Ora, se il Maestro Yokota e’ un valido testimone dell’Aikido nel suo paese, e sono convinto che lo sia, rispetto alla nostra esperienza in Giappone la pratica e’ molto più decisa nell’esecuzione, breve negli spostamenti, energica nelle sue espressioni, certamente più potente e assai più rischiosa. E’ una pratica che sottolinea in ogni momento la marzialità del gesto e l’uso della tecnica come difesa personale duramente efficace. Se vogliamo possiede uno stile esteticamente meno godibile e un impegno fisico e mentale a volte anche stressante; ma on sarà questa la strada giusta per entrare in quel cerchio inattaccabile che diventa la pratica dell’Aikido si eleva ai livelli posseduti dai nostri Maestri? L’Aikido non può arrestarsi a mero tecnicismo o pura riflessione: Yokota Sensei, nelle due ore in cui l’abbiamo visto in azione, pareva voler comunicare questo: “Non vi confondete mai: ricordate che l’Aikido si fa soprattutto col corpo – sudore, fatica, muscoli. Solo quando si brucia tutto entrano in azione altri fattori”. Questo, in realtà, e’ ciò che abbiamo pensato in molti dopo la sua lezione, non le sue parole. Ad esse ora lasciamo il campo.

L’INTERVISTA
Bar Rosso in Via Porpora. Milano. Pomeriggio primaverile. prima della lezione del Maestro Yokota. In fondo al locale, davanti ad un the, si parla di Aikido. Il registratore e’ acceso, il Maestro Fujimoto e’ il nostro interprete, il Maestro Hosokawa, in silenzio, ascolta. Cominciamo.

CHIERCHINI Da quanto tempo pratica l’Aikido?

YOKOTA Be’, vediamo: e’ dalla 1° media, quindi sono circa quindici anni.

CHIERCHINI Come si arriva al VI Dan in quindici anni? E cioè: quale e’ il tipo di pratica che le ha fatto conseguire questo livello tecnico?

YOKOTA E’ presto detto: come unico insegnante io ho avuto il Doshu, Ueshiba Kisshomaru. Lui e’ stato veramente la mia Guida; il suo stile e il suo aiuto sono i motivi del mio avanzamento tecnico. Con il Doshu ho sempre studiato, con lui ho fatto tutti i miei esami, ancora oggi e’ il mio Sensei. Questo tipo di pratica di cui lei mi ha chiesto ragione e’ quella che si identifica con lo stile dell’Hombu Dojo.

CHIERCHINI Che tipo di persone si affaccia alla pratica dell’Aikido nel vostro paese?

YOKOTA Direi che dai cinque agli ottanta anni, in generale, proprio tutti. Però c’e’ una grossa percentuale di praticanti di una determinata età e condizione sociale: sono gli anziani della high society. E’ per questa ragione che sono molto richieste le lezioni private e anche io ne do frequentemente. Ad esempio adesso viene a studiare da me un grosso dirigente della Mitsubishi. Comunque intendiamoci: il praticante medio assomiglia a quello del vostro paese; cioè frequenta le lezioni ogni tipo di gente, anche se effettivamente c’e’ un alto livello economico. La presenza di tanti praticanti di una certa età può essere spiegata dal fatto che il giapponese medio a trenta-quarant’anni e’ impegnatissimo nel lavoro, che non gli lascia un momento di tregua neppure per lo svago. Passata quell’età’ poi gli impegni si allentano e sono numerosissimi quelli che intraprendono le attività del Budo. Diciamo insomma che se l’eta’ dei praticanti a volte e’ elevata, non e’ per una scelta degli insegnanti in tal senso o per una maggior predisposizione del giapponese maturo all’Aikido che si determina questa situazione, quanto piuttosto e’ una situazione contingente.

CHIERCHINI Qui in Italia , dell’Hombu Dojo se ne sentono dire di tutti i colori: coloro che hanno avuto la fortuna di andarci alternano contraddittoriamente racconti esaltati e malcelate delusioni. Qual’e’ la vera situazione dell’Hombu Dojo oggi?

YOKOTA Il nostro Dojo Centrale e’ frequentato attualmente da moltissimi stranieri; la nazione più rappresentata e’ la Francia, poi l’America e l’Inghilterra. Ultimamente vengono molti praticanti dall’Africa. A volte partecipano alle lezioni anche cinquanta stranieri e almeno trenta sono africani. Il governo giapponese concede loro un visto di qualche mese per studiare Aikido, e ho paura che forse ce ne sono così tanti anche per questo motivo… A parte le battute, la loro presenza e’ una cosa molto interessante, anche se sono tutti principianti.

CHIERCHINI Per il praticante giapponese la presenza di un così gran numero di stranieri di basso livello tecnico non può essere un pericolo? Non potrebbe causare uno scadimento tecnico generale?

YOKOTA No, assolutamente. Perché non tutti gli stranieri che praticano all’Hombu Dojo sono di basso livello, anzi. E’ gente che studia seriamente ed e’ appassionata nella pratica: che so i francesi, i tedeschi, anche qualche italiano, come Carmine Cozzolino.

CHIERCHINI Esiste una qualche rivalità fra giapponesi ed europei?

YOKOTA In che senso?

CHIERCHINI In parole povere: la massa dei praticanti stranieri come e’ tollerata? L’ambiente e’ sereno?

YOKOTA La presenza di tanti occidentali all’Hombu Dojo non costituisce per noi un fastidio, un peso da tollerare. Al contrario e’ una cosa bellissima. Sono aikidoka che una volta tornati nel loro paese hanno intenzione di avviare una loro scuola. Non parliamo assolutamente di rivalità.

CHIERCHINI Torniamo ad occuparci più da vicino dell’Aikido in Giappone e dell’approccio culturale ad esso del praticante medio: in Europa l’aspetto dottrinale della pratica e’ interamente legato alla figura e agli insegnamenti del Fondatore, Morihei Ueshiba. Cosa rappresenta oggi O’Sensei per l’aikidoista della Casa madre Aikikai?

YOKOTA Il mondo dell’Aikido in Giappone negli ultimi anni si e’ profondamente rinnovato, e adesso ci sono molti giovani, tanti praticanti nuovi che non hanno avuto la possibilità di apprezzare O’Sensei da vivo. Insomma gente che al massimo ne conosce la storia, ma in fondo ne sa poco. Inoltre oggigiorno per l’Aikikai del Giappone il personaggio più importante, il fulcro, il punto di coesione e’ il Doshu, Kisshomaru Ueshiba. Adesso e’ lui la Guida, tecnica e spirituale. Sia chiaro, nessuno dimentica O’Sensei: ogni anno per la ricorrenza della sua morte si organizza una grande festa, e in questa occasione si proiettano dei filmini di Morihei Ueshiba e si parla a lungo di lui, specie ai principianti, che accorrono numerosissimi.

CHIERCHINI Ueshiba Kisshomaru, la Guida: cosa significa praticare sotto il suo sguardo? Che uomo e’ sul tatami e fuori dal tatami?
YOKOTA Oggi io sono un uchideshi, uno degli studenti interni. Da giovane potevo vedere il Doshu solo in occasione di qualche Enbukai, o agli esami. Sicuramente non tutti i giorni. Adesso pratico tutti i giorni sotto i suoi occhi, e per me e’ come una specie di dio, un Grande Padre. Noi tutti sentiamo che e’ così, e questo e’ importante per l’atmosfera dell’Aikido.
Ovvio che un praticante che ha iniziato oggi non prova un così forte sentimento, non c’e’ questa emozione. E’ una cosa normale, io credo. Presto sceglierà anche lui la sua guida.

CHIERCHINI Nella complessa scacchiera umana del’Hombu Dojo, nel luogo che rappresenta il faro mondiale dell’Aikido, qual’e’ la posizione di Ueshiba Moriteru, Waka Sensei, ormai affermato in Europa per il suo nome e la sua pratica prestigiosa?
YOKOTA Waka Sensei e’ da qualche tempo Capo Istruttore dell’Hombu Dojo (Hombu Dojo-Cho). Per me però Ueshiba Moriteru e’ stato per lungo tempo un compagno d’allenamento; infatti quando sono entrato come uchideshi all’Hombu Dojo, anche Waka Sensei era un semplice studente. Adesso e’ diventato Dojo-Cho, e la situazione e’ cambiata; ma in fondo, dato che abbiamo sempre studiato insieme, e’ come un fratello maggiore, sempre il mio Sensei, però, ufficialmente. Debbo confessare che mi sento più suo compagno, fratello, che suo allievo; anche fuori dal tatami siamo molto uniti, e io ho per lui ho una profonda ammirazione: quando sono entrato all’Hombu, uno degli uke piu’ bravi del Doshu era proprio Waka Sensei. Perciò noi allievi abbiamo potuto imparare molte cose da lui sotto questo rispetto: in Giappone e’ molto importante fare da uke ai grandi maestri, fondamentale direi. E Waka Sensei ha molto aiutato i giovani in questo senso.

CHIERCHINI Domanda di rito: cosa ne pensa di quello che ha potuto vedere in queste sue lezioni italiane?
YOKOTA Questa era la prima volta che venivo in Italia e non ho vergogna di dire che avevo un po’ di paura. Ero già preoccupato, poi ho visto Gianni Chiossi, Giorgio Veneri… e ho iniziato a pensare: “Mamma mia, come sono grossi! Chissà che Aikido faranno?”. E invece dalle lezioni che ho diretto l’altro ieri a Torino e ieri a Reggio Emilia, ho ricavato un’ottima impressione dell’Aikido italiano.
Tutti sono molto seri, si impegnano a fondo e ne ricavano lusinghieri risultati. Bravi, molto bravi, vi muovete veramente bene. Gli insegnanti giapponesi incaricati dello sviluppo dell’Aikido in Italia hanno fatto davvero un ottimo lavoro.

CHIERCHINI Ai lettori farebbe certamente piacere conoscere un qualche aspetto particolare, un aneddoto, una storia che possa essere di stimolo anche per i nostri allievi. La sua memoria, Maestro, ci può aiutare?
YOKOTA Mi piacerebbe raccontare qualcosa del Maestro Osawa, un uomo che ha fatto la sua parte nella storia dell’Aikido; di lui Waka Sensei ha preso il posto di Dojo-Cho, all’Hombu Dojo, qualche tempo fa. Ebbene dal Maestro Osawa io vado ancora oggi a studiare, e quando fa lezione lui io ci sarò sempre. Quando Osawa Sensei ha visitato l’Australia, mi ha portato con lui come assistente, l’esperienza più importante della mia vita nell’Aikido. Con lui sono stato per molto tempo, quindi posso parlarne a buon diritto. Be’, egli non e’ come un anziano, anche se e’ vecchio – ha più di settant’anni. E’ anziano, ma nessuno di noi osa pensare che lo sia. Se lui stringe il mio polso, io non riesco piu’ a muovermi. Quindi e’ fuori dal normale; forte non e’ la giusta espressione, ci vuole qualcosa di più alto, Fushigi, mistero; Osawa Sensei e’ un mistero. Attualmente la sua funzione e’ quella di supervisore dell’Hombu Dojo. Se qualcuno di noi insegnanti fa lezione troppo duramente, lui si arrabbia e allora sono guai. per noi insegnanti, il Maestro Osawa e’ un vero educatore.

CHIERCHINI Per concludere, perché la lezione all’Aikikai Milano incalza: Maestro, quali sono le prospettive per il suo futuro nell’Aikido?
YOKOTA Semplice: continuerò questo cammino insieme al Doshu e a Waka Sensei, sempre sotto la loro guida. Anche questo mio viaggio in Europa risale a un loro progetto. Spero proprio di avere la possibilità di tornare presto da voi.

Copyright Simone Chierchini © 1988-2011Simone Chierchini
Per le norme relative alla riproduzione consultare
https://simonechierchini.wordpress.com/copyright/
(Tratto da Aikido, Anno XVIII N. 2 – Novembre 1988)