Aikido e Integrazione

DSC_0580 (2).JPG

Massimo Di Stefano, Assessore allo Sport del Comune di Montenero di Bisaccia, Konteh Aboubakhar, Gambia, rappresentante del Centro di Accoglienza Oltre di Campomarino, Simone Chierchini, Aikido Molise

Sono alcuni anni che assistiamo al sempre crescente fenomeno di un’emigrazione che sradica grandi masse di persone dalla loro terra natia – spesso resa invivibile dalla combinazione variabile di elementi diversi come conflitti armati, guerre civili, intolleranza razziale, religiosa o politica, carestie, malattie, crisi economica. Lungi dal volerci addentrare in sterili discussioni ideologiche, ci ritroviamo a vivere gli effetti di quanto sopra, con la consapevolezza che, a parti invertite, noi faremmo lo stesso.  

di SIMONE CHIERCHINI

Io lo farei: se vivessi in una nazione devastata, dove gli standard minimi di vita sono un’utopia, dove la speranza di vita è la metà del resto del mondo e via dicendo, cercherei di scappare, perché riterrei di aver diritto – anche io –  ad un avvenire migliore. Tutti i discorsi cadono davanti a questa semplicissima considerazione, che viene rafforzata poi dalla consapevolezza che il 99% dei problemi da cui i migranti scappano nei loro paesi, sono stati causati dai governanti dei paesi in cui cercano di emigrare, o dai governi fantoccio da essi finanziati. Anche la sensazione di disagio sociale e la crisi economica nei nostri paesi sono causate dagli stessi mandanti, quindi perché prendersela con chi si trova metaforicamente sulla nostra stessa barca? La paura talvolta ottenebra la mente anche di persone altrimenti equilibrate, e l’odio ne uccide il cuore.

Chi legge queste colonne è coinvolto a vario titolo nel mondo dell’Aikido.

Cari amici, noi abbiamo una meravigliosa opportunità per dimostrare che in quanto aikidoisti siamo anche capaci di mettere in pratica quello che predichiamo: “l’Aikido è il mezzo per unire i popoli in un’unica grande famiglia”, diceva il Fondatore Ueshiba. Allora facciamo la nostra parte.

Non ci scansiamo. Non facciamo finta di non voler capire che sulla pacifica e controllata accoglienza e integrazione dei migranti si gioca tanto la sorte di milioni di vite umane come la nostra, ma anche il futuro civile delle nostre società. In Aikido non ci si difende, non si usano scudi, non si alzano muri, non ci sono razze, religioni, poveri o ricchi, ma solo uomini e donne che si incontrano e intersecano in un continuo divenire. L’Aikido insegna a gestire questo divenire, a divenire questo flusso mentre accade. Oggi il mondo ci offre questo particolare divenire, e sta a noi viverlo con equilibrio e controllo, senza timori, consapevoli che i valori forti e sani, quando presenti, non verranno mai dispersi, e se insegnati con pazienza e diligenza, attecchiranno anche in nuovi terreni.

Copyright Simone Chierchini ©2016 Simone Chierchini
Per le norme relative alla riproduzione consultare
https://simonechierchini.wordpress.com/copyright/

Annunci

Seminario: Over the Rainbow – Kid’s International English Summer Camp 2016

Umbria2016

Per il 5° anno consecutivo Aikido Molise sarà presente con i suoi docenti

Per il quinto anno consecutivo Aikido Molise contribuisce all’organizzazione e realizzazione del Kids International Summer Camp di Sapere Insieme presso la fantastica Tenuta dei Ciclamini del Maestro Mogol: due settimane di musica, teatro e aikido per ragazzi da 7 a 15 anni in uno dei più affascinanti scenari del centro-Italia. Da non perdere!

Kids International Summer Camp 2016 – Over the Rainbow
Laboratori Musicali, Artistici e Teatrali, Sport, Aikido

Direzione Laboratorio Aikido: Luke Chierchini & Nico Regia Corte – Aikido Molise

19 giugno – 2 luglio 2016
Avigliano Umbro (Terni), Italia
Relais “La Tenuta dei Ciclamini“, Località Pancallo 3

Organizzazione: Associazione Sapere Insieme
Info: Lucia Paccoi 3384861938
Email: segreteria@sapereinsieme.it

Quota di Partecipazione: 1590€ tutto incluso

POSTER PDF

Il campo è rivolto a partecipanti italiani e stranieri dai 7 ai 15 anni. Il camp è aperto anche a ragazzi con diabete, con celiachia e con altre intolleranze alimentari, grazie alla collaborazione che l’organizzatore – Sapere Insieme – ha in essere con AIC (Associazione Italiana Celiachia) e AGD (Associazione Giovani con Diabete) e all’alto livello di ospitalità fornito dalla Tenuta dei Ciclamini.

L’Associazione culturale Sapere Insieme è specializzata nell’organizzazione di campi estivi in lingua inglese e programmi d’integrazione culturale per ragazzi. Divertimento e apprendimento assicurati attraverso laboratori di musica, teatro, danza e aikido condotti in lingua inglese da insegnanti madrelingua; inoltre sport pomeridiani all’aria aperta ed animazione serale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Festa dello Sport 2016 – Montenero di Bisaccia

DSC_0546

Alcuni dei partecipanti alla lezione dimostrativa di Montenero

Festa dello Sport 2016 – 2a Edizione Memorial “Dino Zappitelli”
1-5 Giugno 2016 – Montenero di Bisaccia (CB)

L’evento è stato organizzato dal Comune di Montenero di Bisaccia e dalla Pro-Loco Frentana, in collaborazione con Fiaba e con il patrocinio del CONI e di Panathlon International. Cinque giorni di sport e non solo.

La lezione dimostrativa di Aikido, diretta da Simone Chierchini, si è svolta sabato 4 Giugno presso il Palazzetto dello Sport di Montenero di Bisaccia.

La Festa dello Sport di Montenero di Bisaccia ha offerto ad Aikido Molise una splendida opportunità per mostrare come l’Aikido funzioni in quanto sistema per la risoluzione dei conflitti interculturali. Aikido Molise ha infatti recentemente avviato un progetto pilota in questo senso e si prepara a fare la propria parte per favorire il processo di integrazione dei migranti nella nostra area. Assieme agli atleti di Aikido Molise, hanno dimostrato gli aikidoka di Aikido Pescara e una rappresentanza di ragazzi del Centro di Accoglienza Oltre di Campomarino provenienti da Gambia, Costa d’Avorio, Guinea Konakry e Mali.

Triangolo VS Trapezio e Conflitti Geometrici su Gradi e Qualifiche

Dio-esiste.-Ma-rilassati,-non-sei-tu..jpg

Ego ingombrante?

Che l’Aikido sia una disciplina dalla profonda matrice tradizionale è piuttosto innegabile! Ai suoi albori sapete come si faceva a ricevere un grado o un titolo di merito? Il Maestro (O’ Sensei, c’era SOLO LUI!) ad un certo punto riteneva che tu lo meritassi e ti insigniva di ciò che egli riteneva più consono, PUNTO!

di MARCO RUBATTO

Quali fossero gli arcani motivi, i ragionamenti di carattere esclusivamente soggettivo che spingessero un Sensei a considerare “pronto” il proprio allievo non ci è dato di sapere: il deshi aveva massima fiducia nella capacità di giudizio del suo Maestro… quindi ciò che lui riteneva opportuno lo era automaticamente pure per l’allievo.

“Tu dici, io faccio!”, niente male il metodo tradizionale di crescere nelle arti marziali (alla Pino La Lavatrice): noi – fra l’altro – di vertice ne avevamo uno solo – Morihei Ueshiba, appunto – quindi fino a 50 anni fa non esistevano conflittualità di alcun tipo per quanto concerne i riconoscimenti che un allievo avrebbe desiderato ottenere dal proprio percorso Aikidoistico…

Questo modello, assolutamente triangolare –  in 3D potremmo immaginarcelo piramidale – basato sullo schema Sensei-senpai-kohai ha funzionato egregiamente fino a quando il Giappone è stata una terra isolata dal resto del mondo… o – almeno – fino a quando gli occidentali hanno iniziato a praticare discipline giapponesi.

continua a leggere su:
http://aikime.blogspot.it/2016/05/triangolo-vs-trapezio-e-conflitti.html

Copyright Marco Rubatto ©2016 
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata dall’autore e’ proibita
Pubblicato per la prima volta su:
http://aikime.blogspot.it/2016/05/triangolo-vs-trapezio-e-conflitti.html

Nippon Seibukan Aikido Italy

nipponseibukanaikidoitaly

Certificazioni di tipo notarile a livello internazionale della qualità dei gradi

L’Aikido è una forma di Budo che è stata in divenire fino dalle sue origini, e questo fatto è più che mai visibile nelle variegate interpretazioni che di questa arte ne presentano oggi i suoi specialisti nelle numerose associazioni che ne seguono gli insegnamenti.

La varietà rappresenta una ricchezza inestimabile; tuttavia oggi la nostra comunità rischia una frammentazione senza via di ritorno. Da qui l’esigenza di trovare una casa comune che si dedichi a perseguire il minimo denominatore comune nell’interesse del mondo dell’Aikido italiano: certificazioni di tipo notarile a livello internazionale della qualità dei gradi; Albo Nazionale Ufficiale degli Insegnanti di Aikido Italiani; rapporti con le istituzioni governative e sportive nazionali e internazionali; studi di fattibilità per accedere a finanziamenti nazionali ed europei; accesso a strutture sportive, grandi eventi e media. L’unico scopo di questo patto di unione tra confratelli può solo essere il dare visibilità all’intero prodotto Aikido, senza pregiudiziali tecniche, senza mai entrare nel merito delle questioni tecnico-stilistiche dei singoli gruppi.

Si tratta di un programma ambizioso realizzabile solo attraverso sinergie e protocolli di intesa con soggetti che già hanno fatto o stanno facendo la loro parte su questa meritevole strada.

Nippon Seibukan Aikido Italy può offrire a chiunque interessato uno degli importanti punti enunciati: certificazioni di tipo notarile a livello internazionale della qualità dei gradi. Dal 2014 infatti consentiamo di ottenere il riconoscimento dei propri gradi di Aikido ottenuti in Italia da parte del Nippon Seibukan Dojo di Kyoto, entità membro dell’All Japan Budo Federation (Zen Nihon Sogobudo Renmei), l’organizzazione fu creata nel 1969 da Suzuki Masafumi, che opera sotto la protezione della Casa Imperiale Giapponese come entità per la protezione della cultura nipponica.

La condizione per il riconoscimento dei gradi non passa attraverso pregiudiziali di natura tecnica, come ad esempio in altre famose realtà aikidoistiche internazionali. Nippon Seibukan Aikido Italy si preoccupa esclusivamente di verificare se il lignaggio della tua scuola è riconducibile ad un allievo del Fondatore Morihei Ueshiba, se la tua carriera nel Budo ha seguito accettabili criteri di tempo e modalità nei suoi avanzamenti, se la tua presenza nel mondo delle arti marziali giapponesi ha apportato lustro ad esse e alla comunità che le comprende.

Quale stile segui, quale ikkyo esegui, quali insegnanti inviti nel tuo dojo sono e continueranno ad essere esclusivamente una tua scelta.

Unisciti a noi. Mostra il coraggio dell’indipendenza.

Seminario: M. Kawamukai – G. Masetti a Rimini

unnamed

Stage Asai Italia in arrivo

Motokage Kawamukai – Guglielmo Masetti

11-12 Giugno 2016
Rimini, Italia

Pattinodromo Viserba Monte (Rimini)

Info: Laura meucci 346/6284501
Email: info@anandacsa.com

www.nipponseibukanaikidoitaly.info
Nippon Seibukan Aikido Italy offre certificazioni di tipo notarile a livello internazionale della qualità dei gradi