More “Politically Incorrect” Ueshiba Quotes

Never was the good old man they want to tell us about...

Maybe he never was the good old man they want to tell us about…

Morihei Ueshiba is universally presented and thought of as a good old man, the father of all the new age/hippy stuff about universal peace and love that every Aikido teacher loves to refer to in order to cover up for any technical or human lack. For the second time we dug out a few quotes – reported by direct students – that seem to suggest that there is more to the picture than a lot of people like to think

“You! Insolent fellow!” (1)

“I can tell by the sound that your training’s no good!” (2)

“Stay here and practice iaido for three months.” (3)

“Where, when, with what to kill the opponent” (4)

“I have to get him before he gets me.” (5)

“Hey, wake up!” (6)

“This is not a judo dojo.” (7)

“What you people are doing is not Aikido.” (8)

“Stop, you can lift Tohei, you can lift him! Stop, make them stop! This demonstration’s no good! Of course the gods aren’t going to enter into a drunken sot like you! If they did they’d all get tipsy!” (9)

“Aikido is mine, not Tohei’s. Don’t listen to what Tohei says.” (10)

“Koichi-chan, is that you? I want to ask you to please do what you can for my son.” (11)

Read: Politically Incorrect Ueshiba Quotes

__________________________________________________________________________________

(1) Then suddenly a short man with intense eyes appeared from a back room and shouted, “You! Insolent fellow!” I wondered who was being scolded, but he told me that he meant me. I was surprised because I had no intention of being insolent to anybody. “Do you mean, me?” I asked, and he nodded and asked who had given me permission to practice at the dojo. I told him that in fact nobody had given me permission but explained that I came with Mr. Mori, which I thought was all right. He said “That is what I call insolence.” I asked him what I should do in order to receive instruction. He told me that I should bring him a letter of introduction from a “certain” person.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-ikkusai-iwata-1/

(2) Q. What sort of things made him angry?
A. Whenever we practiced kokyunage when he was sleeping, for example, he would suddenly appear in the dojo and say, “I can tell by the sound that your training’s no good!” So we were always careful to practice seated techniques (suwariwaza) whenever he was around. He never said anything if we were working hard on suwariwaza.
http://www.aikidojournal.com/article.php?articleID=121

(3) A while later I was accompanying O-Sensei on a trip to the Kansai region when he suddenly said to me, “Stay here and practice iaido for three months.” “Here” was the dojo of Michio Hikitsuchi in Shingu. It was Hikitsuchi Shihan who gave me my first training in iaido. I think that was around 1960. O-Sensei had read my thoughts. He said three months would be enough time for me to get some basic knowledge.
http://www.aikidojournal.com/article.php?articleID=121

(4) Technically, what I teach to my students is the three W’s: when, where, with what. This is O-Sensei’s teaching also. “Where” is distancing, space, dealing with space. “When” is timing. “What” is individual technique. You have to learn, you have to get polish, educate, discipline your full body with these three principles through the learning of forms, and assimilate through this what we call awareness, martial awareness. If I say the exact words of O-Sensei, “where, when, with what to kill opponent”. The Founder said this. He also said, however, that Aikido chooses not to kill, but to lead. There is everything there, as far as I’m concerned. There is profound technical martial principle. There is a profound spiritual principle in his words, in that teaching of the three elements, the three W’s.
http://www.aikidosphere.com/kc-e-interview-pt-3

(5) In O-Sensei’s diary, which I possess, written around 1942, he clearly states “I have to get him before he gets me.” You know what he meant? Get him meant kill him! Everyone understands the view of Aikido in which O-Sensei was a lovely old man, that he talked always about love, peace, unity and everything; but you must understand that he came through that earlier stage.
http://www.aikidosphere.com/kc-e-interview-pt-3

(6) At the time when I was living in the dojo Sensei was still young. In those days he trained a great deal. As the number of live-in students increased, we had to sleep in the dojo. Sometimes, we would be waked up in the middle of the night by a voice saying, “Hey, wake up!” As we tried to figure out what was happening, we would look up to see O-Sensei standing in front of us. He would tell us to attack him from anywhere we wanted. He was training himself that way. Then he would do techniques which we had never learned before. He was always studying techniques like that with us.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-ikkusai-iwata-1/

(7)  Sometimes I was forced down hard even though I didn’t resist my partner’s techniques. It was so painful that I was left seeing stars. I tried to do the same thing to him but I didn’t know how. So I sometimes threw my partners a lot using judo techniques. Then O-Sensei scolded me by saying: “This is not a judo dojo.” (Laughter) It is not right to force someone who is not resisting down hard. There were rough people. The cartilage in my arm still sticks out because of one rough guy.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-kenji-shimizu/

(8) When he showed up everyone immediately sat down. At first, I thought that people were being courteous toward him. However, it wasn’t only that. It was also that the practices we were doing were different from what O-Sensei expected us to do. Once he lost his temper at us. No one realized that he had come and he shouted: “What you people are doing is not aikido.” His shout was so powerful it felt like the earth was trembling. He was then in his seventies but his voice nearly pierced our ear drums. Everybody just became quiet and looked gloomy.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-kenji-shimizu/

(9) Once when I was with Sensei in Hawaii, there was a demonstration in which two of the strong Hawaiian students were supposed to try to lift me up. They already knew they couldn’t do it, so they didn’t think much of it. But Sensei, who was off to the side watching, kept standing up and saying, “Stop, you can lift Tohei, you can lift him! Stop, make them stop! This demonstration’s no good!” You see, I had been out drinking until three o’clock in the morning the previous evening, and Sensei knew what condition I had come home in. He said, “Of course the gods aren’t going to enter into a drunken sod like you! If they did they’d all get tipsy!” That’s why he thought they would be able to lift me.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-koichi-tohei-1/

(10) Q. What was O-Sensei’s attitude when you started basing your teaching around the principles of ki?
A. He was jealous and told people not to listen to me. He would say, “Aikido is mine, not Tohei’s. Don’t listen to what Tohei says.” He would peer into the dojo and say things like that, especially when I was teaching a group of women. In that respect he was quite child-like in his directness and lack of sophistication—very spontaneous and innocent.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-koichi-tohei-1/

(11) I was privileged to be at Sensei’s side during his last hours. He said to me, “Koichi-chan, is that you? I want to ask you to please do what you can for my son.” I replied that as long as I had anything to do with it he had nothing to worry about. “That’s good… I ask it of you,” he said and closed his eyes. Shortly thereafter he drew his last breath. Mr. Sonoda suggested many times that I should become Doshu, but I was determined to keep my promise. To allow Kisshomaru to assume a stable role I pushed the idea that he should be both Doshu and managing director. He expressed his gratitude for my efforts then, but about a year later, his attitude changed.
http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-koichi-tohei-1/

Come Nacque il Termine “Aikido” e Perché

Minoru Harai. Copyright Stanley Pranin

Minoru Hirai – genesi e obiettivi del nome “Aikido”

L’aikidoka medio è convinto che la parola “Aikido” sia stata creata da Morihei Ueshiba o dall’Aikikai Foundation per designare l’insieme delle tecniche codificate dal Fondatore stesso. Esiste tuttavia una testimonianza diretta che sembra dimostrare in modo inequivocabile che le cose avvennero diversamente: gli allievi dello Ueshiba ryu si sarebbero piuttosto “appropriati” – grazie al successo del loro stile – di un vocabolo che era stato coniato appositamente per fare da ombrello a una varietà di stili diversi con origini comuni. Questo fatto getta una luce nuova e interessante su come anche oggi bisognerebbe approcciarsi al mondo dell’Aikido

di SIMONE CHIERCHINI

Minoru Hirai (1903-1998), allievo di Morihei Ueshiba ai tempi ruggenti del dojo Kobukan, è noto ai posteri soprattutto per essere stato il fondatore del Korindo, stile di Aikido in cui Hirai aveva amalgamato le sue esperienze nel jujutsu tradizionale e nello studio delle armi con gli insegnamenti del primo Ueshiba. Hirai, tuttavia, va ricordato anche per un altro ruolo da lui svolto in supporto di O’Sensei, quello di Director of General Affairs del Kobukan: in quanto tale, nel 1942 Hirai fu strumentale alla nascita del vocabolo Aikido, come ci rivela lui stesso in un’intervista rilasciata ad Aikido Journal di Stanley Pranin.

Quello che emerge chiaramente dalle parole di Minoru Hirai è che il termine Aikido non è nato come preciso indicatore dell’insieme delle tecniche di Morihei Ueshiba. Aikido era invece un neologismo, coniato a tavolino nel 1942, e riferito a tutte le scuole di Aiki Budo Jujutsu presenti sotto l’ombrello del Dai Nippon Butokukai.

Il Dai Nippon Butoku Kai fu fondato nel 1895 a Kyoto – dove aveva il suo Hombu Dojo – su iniziativa del governo giapponese e con l’avvallo dell’imperatore Meiji, allo scopo di rafforzare, promuovere e standardizzare discipline e sistemi marziali giapponesi nei vari dojo registrati e aperti appositamente nelle varie prefetture del paese.

Gli ideogrammi Ai-Ki-Do

Gli ideogrammi Ai-Ki-Do

All’inizio degli anni ’40 si cominciò a sentire la necessità di stabilire una nuova sezione all’interno del Butokukai, per comprendere tutte le arti marziali basate sui sistemi di combattimento derivati dallo yawara/ju-jutsu. Il compito di negoziare questa materia a nome di Morihei Ueshiba e della sua scuola toccò a Minoru Hirai. L’impresa non fu ovviamente tra le più semplici, considerando la natura conservatrice dell’istituzione e l’ovvia ritrosia degli esistenti membri del Butokukai davanti alla prospettiva di accettare l’entrata di nuove discipline.

Come racconta Hirai a Stanley Pranin, ci furono discussioni e trattative, ma alla fine l’idea di dare spazio ai derivati dallo yawara/ju-jutsu passò, e il confronto si spostò sulla denominazione sotto cui includere le varie discipline di cui sopra. Il nome da dare a quei sistemi doveva essere il più comprensivo possibile e soprattutto doveva essere “inoffensivo”, cioè non suscettibile di suscitare rimostranze e attriti da parte degli stili marziali già riconosciuti e divulgati dal Butokukai.

La persona che spinse maggiormente perché venisse utilizzato il termine Aikido fu Tatsuo Hisatomi, il rappresentante del Kodokan di Jigoro Kano, in alternativa ad Aiki Budo, perchè nel primo l’idea di michido era caratterizzata più fortemente.

La cosa più importante che emerge dalla testimonianza di Minoru Hirai, tuttavia, è che il termine Aikido era stato selezionato “a freddo”, come contenitore neutro per un serie di diversi stili di post yawara/jujustsu, e che la scelta era stata fatta principalmente con lo scopo di non irritare i rappresentanti di altre già affermate arti marziali come il Kendo o il Judo.

Lo Ueshiba ryu quindi non è né l’iniziatore dell’Aikido, né il solo recipiente dell’uso della parola. L’Aikido è, già a partire dalla sua genesi, un contenitore al cui interno convivono figli dello stesso padre, ma individui ben distinti.

Il successo dell’Aikido di Ueshiba ha praticamente poi eclissato i fratelli dello Ueshiba ryu, e oggi noi compiamo un’equazione Aikido/Ueshiba che è inaccurata dal punto di vista storico e documentale. La varietà e le differenze ne facevano parte integrante già prima dello sviluppo pieno dell’Aikido di O’Sensei e del suo ulteriore ramificarsi a seguito dell’opera dei discepoli di Ueshiba. In questa ottica, anche solo l’usare la frase “Fondatore dell’Aikido” in relazione a O’Sensei è alquanto fuorviante.

Questa è una consapevolezza che è necessario fare propria per non perdere il senso più profondo di quello che stiamo studiando, alla ricerca di un’unicità di stile che è, al contrario, sempre stata del tutto aliena a quello che pratichiamo.

Fonte: http://members.aikidojournal.com/public/interview-with-minoru-hirai/

Copyright Simone Chierchini ©2014 Simone Chierchini
Per le norme relative alla riproduzione consultare
https://simonechierchini.wordpress.com/copyright/

L’Ultimo Giorno di Yukio Mishima

Il 25 Novembre 1970 Yukio Mishima commette seppuku

Il 25 Novembre 1970 Yukio Mishima commette seppuku

In occasione del 43° anniversario della morte per suicidio rituale di Yukio Mishima, figura centrale del dopoguerra in Giappone, pubblichiamo un estratto dal libro “La Spada di Mishima”, di Christopher Ross, edizioni Guanda. Invitiamo ad acquistare il volume per capire la portata del personaggio e le implicazioni del suo gesto

di CHRISTOPHER ROSS

“ultimo giorno, ore 06.30 di mattina

Mishima si alza presto mercoledì mattina. Di solito è abituato a lavorare tutta la notte, svegliandosi verso mezzogiorno dopo aver dormito cinque o sei ore. La notte precedente, però, è andato a letto prima. Yoko è già uscita di casa per portare i bambini a scuola. Mishima svuota gli intestini, fa il bagno, si mette un lucidalabbra trasparente e si dà un po di rosso alle gote. Tira fuori l’uniforme invernale del Tate no Kai, lavata e stirata. Quando si veste infila prima nei calzoni la gamba destra, invertendo l’ordine abituale con cui s’indossa l’hakama, che prevede s’infili prima la gamba sinistra. L’eccezione a quest’ordine tradizionale riguarda solo il giorno in cui si fa seppuku, quando s’indossa con il piede destro l’hakama o shibakama della morte. Si tratta di un riconoscimento simbolico del fatto che si è già morti, perché l’ordine di successione tra sinistra e destra viene invertito solo quando si veste un cadavere prima della cremazione.

Il cielo fuori dalla finestra dello studio di Mishima è luminoso, limpido e senza nubi: è una bella giornata per morire, pensa. Qualunque sia il tempo, la sua determinazione non cederà ora, così raccoglie le lettere che ha scritto – ad amici e familiari, a redattori ed editori – e le mette dove verranno trovate più tardi, quel giorno stesso. Scrive anche una breve nota e l’appoggia sulla scrivania. Fa due telefonate, entrambe a giornalisti che conosce e stima. Munekatsu Date è un giornalista televisivo della NHK e Mishima ha cenato con lui alcuni mesi prima chiedendogli se voleva riprenderlo mentre faceva seppuku e trasmetterne le immagini. Allora, vista la reazione sconvolta di Date, aveva lasciato perdere dicendo che stava solo scherzando. L’altro uomo, Takao Tokuoka, è un reporter del quoditidiano Mainichi che aveva portato Mishima a un bordello di Bangkok dopo che Yoko era tornata in Giappone. Li invita tutti e due a presentarsi all’Ichigaya Kaikan, un edificio adiacente alla base delle Forze Armate di Autodifesa, in cui il il Tateno Kai tiene i suoi incontri, dicendo soltanto che “accadrà qualcosa”.

Ritratto dello scrittore nel 1966

Ritratto dello scrittore nel 1966

Poco prima delle dieci una Toyota Corona bianca si ferma fuori dal cancello principale della casa di Mishima. il Piccolo Koga apre la portiera anteriore, entre in cortile e si avvicina alla casa mentre Mishima apre la porta. Mishima dà a Koga la propria valigetta e parecchie buste. Ce n’é una per ciascuno dei cadette del Tate no Kai che aspettano in macchina, e un’altra per Koga. Mishima prende il cappello e i guanti dell’uniforme e con la mano sinistra tiene ferma la spada che pende dalla cintura in un fodero di cuoio per il gunto, la spada militare. La sera precedente, dopo che Yoko era andata a letto, Mishima aveva conficcato con cura i pioli mekugi nell’impugnatura della spada: una precauzione per impedire che al lama e l’impugnatura si separassero sotto l’impatto del colpo.”

“ultimo giorno, ore 10.40 di mattina

La Toyota Corona bianca, con targa TAMA 5-36-86, lavata quella mattina stessa, luccica sotto il sole di novembre mentre corre veloce sull’autostrada. Mishima dice a Koga di prendere l’uscita per Gaien e poi guarda l’orologio. Sono in anticipo, è troppo presto per un appuntamento con la morte! Non va bene, è necessario che siano puntuali. Mishima dice a Koga di fare qualche giro attorno allo Jingu Gaien, e mentre la vettura bianca continua a percorrere il perimetro del parco, Mishima si mette a cantare per rallegrare l’animo di tutti:

Giri to Niniyo o hakari ni kakerya
Giri ga omotai otoko no sekai
Osana-najimi no Kannon-sama nya
Ore no kokoro wa omitoshi
Sena de hoeteru, Karajishi-botan.

Dalla mia schiena abbaiano un cane leone e una peonia…”. Mishima canta questa enka popolare, tratta dall’omonimo film: Karayishi Botan. Gli altri si uniscono al coro. Il simbolismo è chiaro a tutti: il cane leone, con il suo valore e la sua forza sovrumani; la peonia, il più nobile tra i fiori, un bocciolo di primavera che simboleggia la purezza e la sensibilità femminile necessarie a bilanciare l’uomo completo. La crudeltà deve essere imbrigliata dal bushino no nasake, la virtù samurai della compassione verso i deboli.

Dopo qualche altro giro, la candida auto carica di uomini in uniforme prosegue il suo viaggio. Mishima decide di passare davanti alla scuola elementare della figlia, l’elitaria Gakushuin, e dopo questa deviazione il viaggio riprende verso Ichigaya, di nuovo puntuale per l’appuntamento con il generale.”

“ultimo giorno, ore 10.55 di mattina

Il Piccolo Koga si ferma davanti all’ingresso del quartier generale delle Forze di Autodifesa di Ichigaya e abbassa il finestrino. Al cancello stazionano delle sentinelle armate, ma quando vedono Mishima seduto sul sedile posteriore dell’automobile si limitano a salutare e fanno cenno alla vettura di passare. Si sa che lui è un VIP. Non è il caso di chiedergli pass o permessi, e poi lo aspettano per quell’ora: l’appuntamento con il generale Mishita è nell’agenda del giorno. La vettura bianca si inerpica su per la collina e poi si perde dietro lo schermo degli alberi, finché non svolta a sinistra verso l’ufficio del generale.”

Mishima arringa i soldati dal balcone del Japanese Self-Defense Forces in Ichigaya

Mishima arringa i soldati dal balcone del Japanese Self-Defense Forces in Ichigaya

“ultimo giorno, ore 11.10 di mattina

Il colonnello Hara appoggia l’occhio allo spioncino e sbircia nell’ufficio del generale. Vuole controllare se deve ordinare il tè subito o magari aspettare ancora un po’. Di solito il tè viene servito all’inizio di un incontro, ma Mishima ha reso insicuro Hara. C’é qualcosa di stonato stamattina? Non ne è certo e pensa che sia meglio controllare.

Nell’ufficio del generale, invece della calma di due uomini che conversano tranquillamente, Hara vede molta confusione. Il generale con la bocca tappata, una corda legata intorno al torace, e un cadetto dietro di lui con un coltello in mano. Mishima va su e giù per la stanza come una tigre in gabbia, brandendo una spada. Esterrefatto, Hara non può fare a meno di gridare ad alta voce: “Che cosa state facendo?”, un’esclamazione che risuona con chiarezza dall’altra parte della sottile parete divisoria.

Hara e il maggiore Sawamoto cercano di forzare la porta. I mobili accatastati contro l’uscio cominciano a spostarsi, ma qualcuno si risospinge indietro mantenendo la porta chiusa. “Fuori! Fuori!” grida Mishima dall’altra parte della porta. “Uccideremo il generale se tentate di entrare. Abbiamo delle richieste da fare. Fate come vi diciamo e al generale non sarà torto un capello”. Hara manda un impiegato a cercare il generale Ymazaki, l’ufficiale della base di grado immediatamente inferiore al generale Mishita. Poco dopo si è già formato un assembramento di ufficiali dentro l’edificio esterno.”

“ultimo giorno, 11.20 di mattina

Undici giovani ufficiali si danno da fare per spingere da parte i mobili che barricano la porta ed entrare nell’ufficio. L’apertura è stretta e quando entrano, uno alla volta, si trovano davanti Mishima che brandisce la spada. Morita ha un coltello tanto e Ogawa un manganello. Il Vecchio Koga sta facendo la guardia a un’altra delle porte barricate, con in mano un’arma improvvisata, un posacenere preso dalla scrivania del generale, mentre il Piccolo Koga punta la lama del coltello yoroidoshi alla gola del generale Mishita. Un ufficiale lancia un bokken a Mishima, che lo para e lo spezza. Con la spada Mishima colpisce bersagli non letali, braccia e schiene. Ferisce un ufficiale alla schiena e taglia il polso a un altro uomo, recidendogli quasi la mano sinistra, nel tentativo di respingere la prima ondata.

Un altro tentativo. Un ufficiale di nome Terao balza davanti a Morite e gli sferra un pugno in faccia. Mishima lo ferisce alla spalla, ma questo riesce a strappare il tanto dalla presa di Morita, stordito, e a fuggire di corsa fuori dalla porta. Mentre scavalca la barricata di mobili sparsi Mishima lo ferisce i nuovo tre volte alla schiena. Rivoli di sangue gli impregnano la camicia formando un kana ki.

Verso le undici e trenta l’assalto si ferma e Mishima dice al colonnello Yoshimatsu che ucciderà Mashita a meno che non interrompa i tentativi di salvataggio. Ha delle richieste da fare ripete.”

“ultimo giorno, 12.00 di mattina

llll

Mishima lancia il suo “Ultimo Appello”

I soldati radunati sotto il balcone alzano lo sguardo e si urlano a vicenda spiegazioni su quello che sta accadendo: Mishima tiene in ostaggio il generale Mashita nel suo ufficio, in uno scontro sono rimasti feriti una decina di dipendenti delle Forze di Autodifesa, Mishima ha una spada. Qualcuno ha detto loro che Mishima terrà un discorso. Arriva la polizia. Ci sono elicotteri, con poliziotti e la stampa, che ronzano in alto. Il rumore degli uomini, delle sirene e degli elicotteri è assordante.

Uno striscione scritto su un lenzuolo viene fatto calare dal balcone. Ordina agli astanti di ascoltare Mishima senza interromperlo, in assoluto silenzio. Avvisa che qualsiasi attacco avrà per conseguenza l’uccisione del generale e il seppuku di Mishima. Quest’ultimo, Brandendo la sua spada Seki no Magoroku, cammina su e giù per il balcone in attesa che la folla taccia. Morita lancia copie di un Ultimo Appello“, Gekibun, che Mishima intende leggere ad alta voce, seguito da un appello improvvisato agli uomini affinché insorgano e attacchino il parlamento, la Dieta, dove è presente l’Imperatore.

Quando avverte di non poter aspettare più a lungo, Mishima porge la sua spada a Morita e si dirige verso la balustra del balcone, alza le mani, con i palmi stesi ben visibili dal basso grazie ai guanti bianchi. Intorno alla testa ha un hachimaki, proprio come gli altri, che segnala la sua intenzione di morire. Sette vite per l’imperatore è la scritta che campeggia su entrambi i lati di un hinomaru, il cerchio rosso che appare sulla bandiera giapponese, il colore del sangue appena versato. Mishima cerca di ritrovare il proprio equilibrio mentale. E’ da tempo che soffre di vertigini e durante l’ultimo incontro preparatorio scherzava dicendo che la sua paura dell’altezza sarebbe stata un problema maggiore dell’aprirsi il ventre.

Comincia a leggere e la folla si azzittisce un po’. Poi qualcuno comincia a gridare. “Perché hai ferito i nostri compagni?”, “Gangster!!”, “Scendi e lascia parlare il generale!”. C’è chi continua a urlare: “Sparategli!”. Dopo aver letto il resto del suo appello a una folla sempre più rumorosa, impiegandoci almeno cinque minuti, si ferma. Fa un balzo indietro e, seguito da Morita, torna alla finestra per rientrare nell’ufficio del generale Mashita.”

“ultimo giorno, ore 12.10 di mattina

Gore Vidal raccontava che degli amici giapponesi avevano definito volgare il seppuku di Mishima. Un autentico seppuku, dicevano, era un atto estetico con un formalismo preciso eseguito in privato, non davanti a tanti testimoni. Anzi, Mishima si era persino informato se c’era qualche possibilità di farlo riprendere dalla televisione. Non essendoci riuscito si sarebvbe dovuto accontentare degli uomini presenti nell’ufficio del generale Mashita e di chiunque, dalle stanze accanto, avesse potuto sbirciare qulche scena del dramma che vi si stava svolgendo.

Se Mishima avesse alzato lo sguardo verso quelle finestre avrebbe visto una fila di volti di poliziotti e militari che osservavano increduli attraverso le vetrate della parete divisoria che separava l’ufficio del generale Mashita vero e proprio dall’anticamera. Altri testimoni. Il Vecchio Koga è appoggiato contro i mobili accatastati usati per barricare la porta. Il Piccolo Koga è ancora dietro al generale, anche se non ha più un coltello con cui minacciarlo; hanno un coltello in meno. Ogawa impugna ancora il manganello di metallo del Tate no Kai. Morita, che brandisce la spada di Mishima, è in piedi dietro il suo comandante inginocchiato.

Il Japan Times annuncia il suicidio di Mishima

Il Japan Times annuncia il suicidio di Mishima

“Per favore, si fermi! Questa è una follia! Non si uccida!” grida il generale. Sa che le sue implorazioni verranno ignorate e che Mishima ha deciso di morire. Ha già visto sguardi così determinati, ma mai in tempo di pace.

Tenno Heika Banzai!” grida l’uomo in ginocchio.

Mishima s’infila la lama nel ventre teso. Quasi dieci centrimetri di metallo gli entrano nella carne. Sono troppi, è un taglio troppo profondo. Gli insegnamenti trasmessi oralmente dalle vecchie scuole di scherma suggeriscono che non più di cinque centimetri di coltello debbano entrare nella carne quando ci si apre l’addome. Se sono di più, il corpo si accascia in avanti. E infatti Mishima si abbatte in avanti, proprio nel momento in cui Morita abbassa la spada e manca il collo di Mishima, provocando un taglio orribile nelle spalle dello scrittore.

Mishima si rialza a sedere, scrolla il capo per controllare gli spasmi del dolore. Allunga il collo, ma si accascia nuovamente in avanti quando Morita sferra il secondo colpo, mancando completamente il bersaglio e colpendo il tappeto inzuppato di sangue. Lo osserva con orrore. Anche gli spettatori osservano con orrore. A tempo debito, man mano che la notizia farà il giro del mondo, tutti assisteranno alla scena con orrore.

In risposta al dolore, Mishima si morde la lingua e la bocca che gli si riempie di sangue. Un terzo colpo di spada gli apre un taglio nella nuca e poi cozza contro la mascella producendo il rumore rivoltante del metallo che scheggia un osso. Alcuni degli occhi che osservano la scena spaventosa distolgono lo sguardo. Morita si volta implorante verso il Vecchio Koga, che gli toglie subito la spada di mano, si mette in posizione di equilibrio, prende al mira e poi, con un unico movimento mozza la testa a Mishima.

Morita sfila il coltello, si abbassa i calzoni, s’inginochia e con la punta affilata si fa un taglio superficiale lungo tutto l’addome. Incomincia a scorrere un sottile rivolo di sangue. Fa un cenno con la testa, abbassa un po’ il collo per offrire un facile bersaglio a Koga. Un momento dopo è morto.

Le due teste mozzate vengono posate davanti ai corpi caduti, che vengono poi ricoperti con le giacche delle uniformi. I cadetti sopravvissuti cominciano a piangere. Persino il generale Mashita sembra che debba piangere, ma si trattiene e dice, a mo’ di incoraggiamento: “Suvvia, piangete. Piangere fa bene. E cercate anche di dire una preghiera”.

Il generale viene slegato e aiutato ad alzarsi. Tutti recitano il Nenbutsu, la preghiera per il morti – Namu Amida Butsu, Tutte le lodi ad Amida Buddha. Vengono tolte le barricate alla porta. Il piccolo Koga ha in mano la spada di Mishima, con la lama rivolta verso di sé e al punta al pavimento, per indicare che si sta arrendendo. Escono insieme per farsi arrestare.

Alle 12.23 un medico legale dichiara ufficialmente la morte di Mishima e Morita. Poiché le loro teste non sono più attaccate ai corpi ma giacciono sul pavimento dell’ufficio, la diagnosi non è difficile.

Leggi: “Gekibun”, l’Ultimo Appello di Yukio Mishima
LaSpadadiMishima

La Spada di Mishima

Guanda, 2008 – 281 pagine
ACQUISTA SU AMAZON

Storia Moderna del Katori Shinto Ryu: Una Panoramica

Tesoro nazionale giapponese, il TSKSR è la più antica arte marziale ad essere ancora praticata oggi

Tesoro nazionale giapponese, il TSKSR è la più antica arte marziale ad essere ancora praticata oggi

La più antica scuola di arti marziali giapponese ha vissuto un passato recente travagliato a partire dall’inizio del secolo scorso. Questo articolo a cura di Michael Reinhardt si sforza di fare luce sulla storia moderna del Katori Shinto Ryu

di MICHAEL REINHARDT

Dopo la morte di Iizasa Morisada, diciottesimo Soke del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu avvenuta nell’anno 1896, per un periodo di oltre 20 anni, la responsabilità della gestione della scuola è stata sostenuta dalla moglie di Morisada sensei e da un gruppo di nove professori associati, sotto la guida di Yamaguchi Kumajirô. Date le molte legittimazioni pretese, provenienti sia dall’interno che dal’esterno della scuola, sembra essere utile esaminare da più vicino la storia moderna della scuola accaduta dopo la morte di Morisada sensei. Questo articolo è solo un riassunto di ciò che deve essere nei prossimi anni in forma completa. Questo articolo non è un pretesto per diffamare – come era già avvenuto in passato – ma per educare e per il bene e la sopravvivenza della scuola. Sottolineo ancora una volta che il testo che segue non è completo.

Introduzione

Attraverso l’istituzione del Nihon Kobudo Shinkokai nel 1935 e nel corso della nazionalizzazione si vede una rinascenza delle arti marziali classiche, che si sono messe sempre più in vista agli ‘occhi del pubblico e le stesse si sono trovate sempre più spesso coinvolte nei piani di studio delle varie istituzioni governative e dei centri di formazione dei militari. Così è stato che Sugino Yoshio , abbia insegnato per primo il Katori Shinto Ryu in varie scuole elementari di Tokyo e dintorni, spesso scuole solo femminili. A volte di fronte la sede della scuola a Chiba, presso il tempio di Katori. Dopo la morte del 18 ° Soke, Morisada –sensei, dato il fatto che non vi era nessun erede maschio per dirigere la scuola , la cura della scuola fu presa dalla moglie di Morisada sensei e da un comitato di nove anziani Shihan. I membri del comitato erano: Yamaguchi Kumajirô , Kamagata Minosuke (che ne è stato anche il rappresentante ufficiale e amministratore) , Tamai Kisaburo , Shiina Ichizo , Ito Tanekichi , Kuboki Sozaemon , Isobe Kôhei ,

Tomba del fondatore Iizasa Ienao, presso il tempio di Katori

Tomba del fondatore Iizasa Ienao, presso il tempio di Katori

Hayashi Yazaemon e Hongu Toranosuke . Gli ultimi due uomini erano in generale inviati a rappresentare la scuola agli Enbu in onore del Tenno, il Tenran jiai.
Anche se gli aspetti tecnici della scuola dovevano passare attraverso la linea degli insegnanti, poco è rimasto dopo la seconda guerra mondiale. Se vi era prima della guerra un gran numero di insegnanti, il loro numero è diminuito rapidamente e con la morte di Hayashi-sensei sono rimasti solo due Shihan della scuola. Anche se non si può parlare di due linee diverse, (ovviamente) le differenze di esecuzione tecnica sono ancora chiaramente visibili. Ma queste differenze non sono da valutare nelle categorie del buono o cattivo, ma riflettono lo sviluppo personale dei singoli docenti in base alla loro formazione ed esperienza. Come allora, oggi ci sono diversi modi di eseguire il Katori Shinto Ryu, ma nella loro essenza sono tutti basati sugli stessi principi originari.

Iizasa Ienao

Yamaguchi Kumajirô sensei scrisse il “Kongen no maki”, una trascrizione della storia della scuola, pubblicato dall’ Honbu Dojo nel 1902. In questo scritto, non ci sono solo informazioni di carattere generale sulla strutturadell ‘Honbu dojo a Chiba, ma anche dei Shibu dojo di allora, i rami autorizzati della scuola. Nel comunicato, ci sono stati altri otto dojo autorizzati in cui il Katori Shinto Ryu è praticato in aggiunta al dojo Honbu. Di seguito è riportato un elenco:

1 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Honbu – Responsabili: Tamai Kôhei, Hongû Toranosuke, Kuboki Sozaemon.
2 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – Hôkokukan – Conduttore: Kamagata Minosuke
3 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – SHINBUKAN
4 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – Seibukan
5 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – Marishiten-kai – Responsabile: Tsuchiya Gennosuke, Tsuchiya Matsutarou
6 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – KOBUKAI
7 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – Yôunkan – Direttore: Isobe Ichitaro
8 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – Marishiten-kai – Responsabile: Hayashi Sadayoshi, Kase Tosuke
9 Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu Shibu – Marishiten-ko – Responsabile: Kase Seiji, Kase Yasutaro

Circa dieci anni dopo, è stato aggiunto anche un altro dojo di Tokyo, guidato da Masamitsu Kaneko (più notizie su questo più tardi).

Il tempo per la fine del secolo è stata segnata anche da alcune manifestazioni di carattere significativo: nel 1897 (Meiji 30) è stata fatta una dimostrazione al Saineikan, il dojo interno del Palazzo Imperiale di Tokyo, alla presenza del Meiji Tennô. Nel 1912 (Meiji 45), il principe ereditario ha fatto un viaggio devozionale al Katori Jingu, nel cui evento fu tenuta anche una dimostrazione. Gli studenti hanno mostrato le tecniche di Katori Shinto Ryu dl Tachijutsu, Naginatajutsu, Bojutsu e Iaijutsu in armatura e con lame affilate. Tale dimostrazione viene ripetuta nel 1913 (Taisho 2).

Iizasa Ienao nei suoi ultimi anni

Iizasa Ienao nei suoi ultimi anni

Genealogia

Con la morte di Morisada-sensei nel 1896 ci sono stati alcuni cambiamenti nella linea di insegnamento. Come già accennato, sono stati responsabili per la cura della scuola nove Shihan. Shiigi Munenori nel suo libro riporta le seguenti linee di insegnamento (non complete):

Iisasa Morisada (sette discepoli diretti): Yamaguchi Kumajirô Eikan Mairaku / Tamai Saido / Noguchi Jizaemon / Ono Heishichirô Moriichi / Shiina Ichizo / Hongû Toranosuke / Kaneko Shinoshô.

Partendo da questi studenti di Morisada-sensei risultano le seguenti linee:

Yamaguchi Kumajiô Eikan Mairaku (quattro studenti più i loro studenti +):
1 Yamada Genjiro > Yamada Katsujiro
2 Hirano Goro
3 Hayashi Sakunosuke > Yamada Genjiro – Yamada Katsujiro
4 Hayashi Saiichirô > Hayashi Yazaemon > Otake Risuke

Tamai Saido (nessun studente indicato)

Noguchi Jizaemon (uno studente indicato): Hirano Goro

Ono Heishichirô Moriichi (nessun studente indicato)

Shiina Ichizo (due studenti indicati):
1 Sugino Yoshio
2 Torigae Yoshi,

Hongû Toranosuke (quattro studenti indicati):
1 Shiigi Keibun
2 Minoru Mochizuki
3 Itô Kikue
4 Sakamoto Toranosuke

Kaneko Shinoshô > Yamada Genjiro – Yamada Katsujiro

Foto del giovane Sugino Yoshio sensei da un manuale

Foto del giovane Sugino Yoshio sensei da un manuale

Il viaggio di Olive Lloyd-Baker

Olive Lloyd – Baker è nata nel 1902 a Gloucestershire, in Inghilterra , ed è stata fino alla sua morte, nel 1975, una persona influente nella sua regione natale. A metà del mese di aprile 1927, è venuta in Giappone per un po ‘di tempo ed ha trovato alloggio presso l’ Imperial Hotel. Attraverso un contatto Mrs Utako Noguchi, una dipendente dell’ambasciata britannica, lei e la sua istitutrice Fau Janes furono ammesse nel dojo di Masamitsu Kaneko, dove ha iniziato la sua formazione ai primi di maggio. Là hanno appreso non solo le tecniche del Judo, ma anche sono state formate nelle tecniche di armi del Katori Shinto Ryu, in particolare nella tecnica della Naginata. L’insegnamento del Judo aveva luogo ogni mattina dalle 10:00 alle 12:00. Kaneko sensei è menzionato anche pochi anni prima (nel 1913), nei giornali, la notizia riporta di una sfida nel suo dojo, che avrebbe dovuto avvenire di notte, in una “Piazza circondata dai fantasmi” nel quartiere di Meguro. Si trattava di un test “fegato/cuore” detto in giapponese “Kimo no Damashii”. Si usa questo termine se si desidera mettere in evidenza il coraggio, o il coraggio di qualcuno. Anche in questo articolo del 1913 ,è menzionato il nome del Katori Shinto Ryu, ma in una grafia che verrà più in uso dopo il 1942 ed è ben nota oggi :香 取 神道 流. Si ritiene che Kaneko sensei era in realtà nato a Chiba , dove apprese le tecniche della scuola e più tardi si trasferì a Tokyo. Come abbiamo già visto, intorno al 1900 vi erano una serie di Shibu – dojo. Sarebbe quindi estremamente evidente che egli sia stato formato in questo dojo o abbia ricevuto l’insegnamento direttamente presso l’Honbu Dojo. Il suo dojo era situato nel quartiere Ushigome Kitamachi , oggi quartiere Shinjuku, nel rione di Kagurazaka .

Quanto tempo le due giovani donne hanno preso lezioni in Giappone, non è chiaro. Ma il fatto è che decenni prima di Donn F. Draeger due altri stranieri hanno già studiato le tecniche della scuola, anche se solo per un breve periodo. Così, la lunga tradizione di studenti stranieri aveva già preso il suo inizio nel 1927. E che nel 1913 era già nota la scuola nella capitale nel 1913, con una sede fissa e un insegnante autorizzato.

La fondazione del Kodokan Kobudô Kenkyukai

Jigoro Kano fondò il suo gruppo di studio del Kobudo all’interno del Kodokan nel 1928 (Kodokan Kobudo Kenkyukai), allora c’erano quattro uomini che insegnavano il Katori Shinto Ryu ad intervalli regolari in quella sede: Shiina Ichizo, Tamai Kisaburo, Kuboki Sozaemon e Itô Tanekichi. Sugino Yoshio e Mochizuki Minoru arrivarono per primi in contatto con le tecniche della scuola.

L’istituzione del Nihon Kobudo Shinkokai nel 1935

Yoshio Sugino sensei stesso era un insegnante della scuola Katori, ma, al momento, le sue azioni si concentrarono principalmente sulla città di Tokyo, ma questo non significò che lui si tirasse fuori dagli obblighi della stessa scuola. Numerosi gli eventi ufficiali che mostrano la sua posizione all’interno della scuola , tra cui alcune dimostrazioni molto prestigiose nella capitale, o il fatto che egli ha mantenuto uno stretto contatto con la Nihon Kobudo Shinkokai ed era presente anche la sua creazione. Questi avvenimenti furono nel 1935 (Showa 10), l’anno della costituzione della Nihon Kobudo Shinkokai, quando si tennero una serie di grandi Kobudo Enbu, dove una delle principali scuole Katori Shinto Ryu era presente. Ci furono dimostrazioni di: Kenjutsu, Iaijutsu, Bojutsu e Naginatajutsu. Il presentatore era : Kamagata Minosuke, Tamai Saido, Shiina Ichizo, Tsukamoto Rikinosuke, Hoshina Nenosuke, Sugino Yoshio, Tsubaki Teizo, Hirano Juji, Akiyama Isao, Shiina Daigaku e Itô Kikue (co- autrice di “Budo Kyohan”). Cosa è interessante di questa collezione è che le donne erano anche tra i partecipanti alla manifestazione .
Nel complesso, ci sono stati quattro Enbu nel 1935 del Nihon Kobudo Shinkokai: il primo ebbe luogo il 01 Aprile alla Hibiya Kokaido, a Tokyo, seguita da un’altra il 5 maggio al Iseyama Kotai Jingu a Yokohama. Altri due Enbu ebbero luogo l’ 11 luglio al Kashima Jingu e il 12 luglio al Katori Jingu.

Showa Tenran Jiai

Nel Showa Tenran Jiai ci furono tre competizioni negli anni 1929, 1930 e 1940, in presenza dell’imperatore Hirohito. Nel corso di questi eventi, che sono stati principalmente dedicatial kendo e judo, c’erano anche alcune dimostrazioni aggiuntive. Così Nakayama Hakudo ha dimostrato, per esempio , nel 1929 , insieme a Takano Sasaburo il ” Dai Nippon Teikoku Kendôkata” (il kendo kata del Grande Impero Giapponese), e nel 1930 e nel 1940 del Tameshigiri e delle tecniche di Hasegawa Eishin Ryu Iai.
Dalla parte del Katori Shinto Ryu erano presenti Hongu Toranosuke (Ukedachi) e Hayashi Yazaemon (Kirikomi). Oltre alla Jikishinkage Ryu, che dimostrò il suo naginatajutsu, il Katori Shinto Ryu era l’ unica scuola che proveniva dal campo delle scuole classiche. L’Enbu comprendeva unicamente una dimostrazione di Kenjutsu kata dalla serie Omote no Tachi (Kata: Itsutsu no Tachi, Nanatsu no Tachi, Kasumi no Tachi, Hakka no tachi), Gogyo no Tachi (Hotsu no Tachi), Gokui Shichijo no Tachi (Agenami no Tachi) e Ryoto (Murakumo no Tachi) . Il ritmo fu molto elevato e il kata presentati non sono facili da seguire. Nella dimostrazione del kata di Ryoto Hayashi sensei fu colpito da Hongu sensei. Inoltre, si possono identificare le differenze tra le tipologie di tecnica e le kamae.

La visita della gioventù hitleriana in Giappone, 1938

Il 16 Agosto del 1938 un gruppo di 22 membri della Gioventù hitleriana arrivò al porto di Yokohama (con un gruppo di 30 accompagnatori), sulla scia degli scambi di giovani tra giapponesi e tedeschi, dopo un soggiorno di tre mesi ripartirono l’11 Dicembre dello stesso anno dal porto di Kobe. Durante la loro permanenza in Giappone, il gruppo compì un giro di tutto il Giappone, tra cui la città di Sapporo in Hokkaido, Osaka, Aichi, Nagoya, Tokyo, Kumamoto e Miyazaki in Kyushu e alcuni altri luoghi. A Gifu , più precisamente nella città di Seki, per esempio, il gruppo ha visitato un fabbro ed ci fu pure una dimostrazione di forgiatura.
Il 15 Settembre 1938, ci fu un dimostrazione di Kobudo presso il Kokumin Taiikukan, la Sala Nazionale dello Sport di Hitotsubashi, nel distretto di Kanda a Tokyo, dove furono presentati diversi stili. Nello stesso giorno, il gruppo ha visitato la Yushukan, l’antico museo giapponese della guerra presso il Yasukuni Jinja. Il programma preciso fu il seguente:

1 Visita il museo della guerra a Yasukuni ( Yushukan )
2 Nihonto Tanrensho – dimostrazione di forgiatura
3 Il pranzo con il ministro dell’Istruzione Araki
4 Dimostrazione di Kobudo
5 Visita dell Mitsukoshi Department Store di Ginza, Tokyo

La dimostrazione di Kobudo iniziò alle 14:30 e terminò alle 15:40. Fu organizzato dalla Associazione per la cultura giapponese. All’inizio ci fu una cerimonia Shinto con un successivo intervento di Koyama Matsukichi, direttore dell’associazione. Le scuole presentati furono:

• Takeda ryu (Jingaijutsu) – Kanno Yubu
• Heki ryu (kyujutsu) – Doi Hikotaro
• Tatsumi ryu (Iaijutsu) – Kato Hissashi
• Shinnoshindô ryû (Jujutsu) – Suzuki Takeyo e Imai Kaneko (due donne), Fukutaro Imai, Imai Ryojiro
• Tendo ryu (Naginatajutsu) – Takakuwa Uchiko e Aoki Taeko (due donne)
• Shinkage ryû (Jujutsu) – Takisawa Tsunesaburo e Sato Shijirô
• Shinto Muso ryu (Jojutsu) – Shimizu Ryuji
• Ikkaku ryû (Jittejutsu) – Miyakawa Tatsuzo
• Isshin ryu ( Kusarigamajutsu ) – Katsumi Keiichi
• Sosuishitsu ryû (Jujutsu) – Sugiyama Shotaro
• Katori Shinto Ryu (Tachijutsu, Bojutsu, Sojutsu) – Shiina Ichizo , Sugino Yoshio, Sugino Kimiko (la sorella minore di Sugino Yoshio), Akio Sugino (figlio maggiore dl primo matrimonio di Yoshio Sugino) e Sugino Shigeo (figlio maggiore del secondo matrimonio di Yoshio Sugino).
• Negishi ryu (shurikenjutsu) – Horikoshi Gengi
• Heki ryu (Kudayajutsu) – Ouchi Giichi

La situazione attuale

XXXX

Shiigi Munemori

Ci sono attualmente due dojo che hanno ricevuto ufficialmente il permesso concesso di insegnare Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu. Sono il dojo di Otake Risuke a Narita e il dojo di Sugino Yukihiro a Kawasaki. C’è un’altro dojo sotto la guida di Shiigi Munenori (secondo le conoscenze attuali) ma non è riconosciuto dal Soke. Un’indicazione di questo fatto è la diversa (vecchio) ortografia della scuola 神刀 流 invece 神道 流. Shiigi Munenori ha imparato sotto suo padre, che a sua volta è andato a studiare con Hongu Toranosuke. Shiigi-sensei è Soke di Ichigidô, un sistema che combina le tecniche di varie scuole (Katori Shinto Ryu, Kashima Shinto ryu, Ono-ha Itto ryu, Takenouchi ryu Iai). Inoltre, egli ha fatto numerose pubblicazioni negli ultimi anni, che gli hanno dato maggiore rilievo. Inoltre, è stato sotto l’insegnamento Otake-sensei per qualche tempo.

Come accennato Sugino Yoshio ha iniziato a praticare il Katori Shinto ryu dapprima al Kodokan e poi lo ha perfezionato presso l’Hombu dojo. Otake Risuke, invece, ha imparato direttamente sotto Hayashi Yazaemon. La sua formazione non ha avuto luogo presso l’Hombu Dojo, ma nel dojo privato di Hayashi-sensei a Asahi, Chiba.

Traduzione di Adriano Amari
Pubblicato con l’autorizzazione dell’autore e del traduttore

Fonte: http://lifeforasword.wordpress.com/2013/11/14/exkurs-die-moderne-geschichte-der-katori-shinto-ryu/

Seminario: Malcolm Tiki Shewan a Padova

Ghiotta occasione a Padova con Tiki Shewan: conferenze e seminario

Ghiotta occasione a Padova con Tiki Shewan: conferenza e seminario

Seminario di Iaido, Aikiken e Kenjutsu
Conferenza “L’evoluzione storica delle pratiche marziali in Giappone”

Malcolm Tiki Shewan – Direttore Tecnico della Federazione Europea di Iaido

13-14-15 Dicembre 2013

Padova, Italia

Informazioni: Tsuki Kage Dôjô Padova +39 328 6547829
Email: dojo@tsukikage.it
Web: www.tsukikage.it

Programma dell’Evento: Conferenza – Venerdì 13 h 19.30-21.00 – B&B Hotel Padova, Sala conferenze, via del Pescarotto 39
Seminario – Sabato 14 10.00-12.30 e 15.00-18.30, Domenica 15 9.30-12.30 – Palazzetto Vlacovich, via Vlacovich 6

Quote di Partecipazione: Conferenza Ingresso libero, Seminario completo 50€, Studenti 30€,  una sessione 20€

Nota bene: Iscrizione obbligatoria – Compilare il modulo d’iscrizione disponibile al link www.tsukikage.it/form entro il 5 Dicembre

Malcolm Tiki Shewan è uno dei più apprezzati esperti internazionali di Aikido, Aikiken, Kenjutsu, Muso Shinden Ryu Iaido, Ryushin Shochi-ryu Iaijutsu e di diverse altre scuole di Bujutsu classico. Direttore tecnico della Federazione Europea di Iaido (F.E.I.) e della rete di Aikido Mutokukai Europa, dirige seminari di Aikido, Kenjutsu e Iaido in tutto il mondo, proponendo un insegnamento sui principi base della della spada, di grande riferimento per i praticanti di ogni livello di diverse discipline o arti marziali. Esperto della forgiatura tradizionale di spade giapponesi, è anche autore del libro bilingue “L’art du sabre japonais – The art of japanese swordsmanship” pubblicato dalla F.E.I. nel 1983.

POSTER PDF CONFERENZA

POSTER PDF SEMINARIO

By Redazione Redazione Aikido Italia Network

Zen Nihon Sōgō-Budō Renmei – All Japan Budo Federation

La All Japan Budo Federation protegge l'integrità del Budo dal 1969

La All Japan Budo Federation protegge l’integrità del Budo dal 1969

Lo ZNSBR (All Japan Budo Federation) è una federazione internazionale non sportiva e non politica dedita alla salvaguardia e insegnamento delle arti marziali tradizioni giapponesi e di Okinawa, e fa capo al Nippon Seibukan Dojo di Kyoto, organo di governo nazionale del Budo giapponese con protezione della Casa Imperiale. Essa include le arti seguenti: Karate, Jujutsu, Goshinjutsu, Judo, Aikido, Kendo, Iaido, Kobudo

Lo ZNSBR venne fondato nell’anno 30 dell’Era Showa (1954 in Giappone) dall’onorevole Suzuki Masafumi Hanshi. Attualmente esso ha alla propria presidenza Kawano Yasuo Hanshi (secondo uchi-deshi di Suzuki Sensei) ed ha come sede del proprio Hombu il tempio Zunin-ji a Kyoto, inoltre è autorizzato ad utilizzare il Butokuden per allenamenti e manifestazioni ufficiali.

Lo ZNSBR ha come missione lo studio, la preservazione e la diffusione del Koryu Bugei (arti marziali classiche) e del Gendai Budo (arti marziali moderne), quindi di tutte le arti marziali giapponesi e okinawensi che abbiano radice accertata nella tradizione. Per tale motivo, nel 2008 Kawano Yasuo Hanshi autorizzò  la creazione del Comitato Internazionale per la Protezione dello ZNSBR-NSD, della sua Cultura, della sua Storia e delle sue Arti, col fine di eliminare alla radice qualsiasi interpretazione o versione errata di appartenenza e omologazione allo stesso; ogni Paese ha uno Shidoin (Delegato), che a sua volta nomina degli Fuku-Shidoin, vice-delegati e responsabili di settore per ogni Arte Marziale Bugei/Budo, che abbiano il titolo di RenshiIl Comitato per la protezione dello ZNSBR-NSD ha realizzato nei suoi primi due anni di vita la nomina di ben 15 Shidoin in altrettanti Paesi, tutti praticanti del Koryu Bugei e del Gendai Budo

Il Nippon Seibukan o “scuola giapponese del guerriero virtuoso”, funge da centro per la preservazione e lo studio delle arti marziali giapponesi, sia classiche che moderne . Esso è stato fondato nel 1952 da Suzuki Masafumi Hanshi con il sostegno della Casa Imperiale, e attualmente è situato a Kyoto, regione del Kansai, sull’isola di Honshu. Alla dipartita di Suzuki Masafumi Sensei, nel 3° anno dell’Era Heisei [1991] a Taiwan, la presidenza passò in mano a Yasuo Kawano Hanshi, che tutt’ora ne è Kancho.

Suzuki Masafumi dirige una lezione di Judo per ragazzi

Suzuki Masafumi dirige una lezione di Judo per ragazzi

Masafumi Suzuki Hanshi era un praticante ed insegnante dedito e dalla vastissima cultura sul Budo giaponese; egli rivestiva i seguenti gradi: 10° dan nel Goju-ryu Karate, 9° dan nel Jujutsu (stile Yawara), 8° dan nel Kendo, 8° dan nello Iaido e 5° dan nel Judo. Tra i suoi insegnanti possiamo ricordare dei luminari come Chojun Miyagi, Miyazato Ei’ichi, Shimabuku Tatsuo e Toyama Kanken. Il Nippon Seibukan Honbu divenne una delle più grandi accademie del Budo del mondo, e tra le sue mura venivano insegnati: Okinawa Goju-ryu Karate, Kobudo di Okinawa, Kodokan Judo, Muso Jikiden Eishin-ryu Iaido, Kendo, Aikido, Jujutsu, Naginata-jutsu e Jukendo.

Nel tempo Suziki Masafumi Sensei creò molti legami e collaborazioni all’interno del territorio asiatico così come tra Oriente ed Occidente, unificando diverse Ryu-ha [scuole e rami] per il bene comune del Budo antico e moderno. Ma, nel 2008, a causa dell’uso non autorizzato dei nomi e loghi del Nippon Seibukan, e Zen Nihon Sogo-Budo Renmei (All Japan Budo Federation) o SoBuRen sui diplomi, certificati e materiale pubblicitario, un comitato internazionale speciale è stato creato per proteggere l’eredità di Masafumi Suzuki Sensei. Il comitato è supervisionato da due Shibucho (direttore di filiale), uno per l’Oriente e uno per l’Occidente, entrambi nominati da Kawano Yasuo Hanshi, mentre a livello nazionale la gestione è affidata agli Shidoin (delegato) sempre designati dallo stesso Kancho. Ogni ramo nazionale, poi, contempla le varie divisioni coordinate dai relativi Fuku-Shidoin (vice-delegato).

Fonti:
http://www.nippon-seibukan-hombu.com
http://nipponseibukanitalia.wix.com/ajbf
http://nipponseibukan-usa.com/