Le Interviste di Ovo San – Rino Bonanno

Ovo San e Rino Bonanno ci danno di fioretto...

Ovo San e Rino Bonanno ci danno di fioretto…

Ripartono le avventure del nostro Ovo san alla scoperta dell’uomo con l’hakama. Oggi ritorniamo a Napoli e incontriamo il mitico Rino Bonanno, oltre quattro decenni sul tatami e un pedigree marziale da fare invidia ai più

di OSVALDO RIGHETTO

Allora M° Rino come è iniziato il suo viaggio nella Nostra Meravigliosa Arte?

BONANNO:
Come ho iniziato?……. è stato per caso, erano gli anni ’70.

Avevo da poco finito il liceo e durante le vacanze ,un amico, allora campione regionale juniores di judo mi parlava del suo sport. Per me che venivo dal nuoto il tutto era nuovo… mi erano sempre piaciute però le storie di eroi e guerrieri.
Da piccolo amavo riprodurre disegnando ogni genere di armi medioevali e la mente vagava in avventure di cappa e spade.

Mi convinse, al ritorno delle vacanze, a presentarmi al suo maestro, confortato dal fatto che sistematicamente senza sapere nulla di judo, riuscivo a svincolarmi e a metterlo al tappeto… diciamo sulla sabbia in spiaggia… eravamo ragazzi!

Fu così che mi ritrovai a settembre del 1971 al Palasport di Napoli (che ora non c’è più) a fare una lezione di judo con il M° Aldo Nasti ed una di karate con il M° Beppe Panada al Sankaku Club. Accanto c’era un altro dojo : il Budo Club dove si faceva Aikido e Taekwondo. Dopo che il mio futuro di campione fu assicurato dal maestro di judo che mi voleva nella squadra agonistica, feci capolino in questo dojo.

Vedere quelle gonne nere svolazzanti e quegli strani movimenti – che però in qualche modo mi sembravano familiari – mi tenne inchiodato fino al termine della lezione. Non capivo molto, ma mi piaceva. A quei tempi non si sapeva nulla di Aikido! Non c’erano testi, né molte immagini, figuriamoci i video!

“Che cos’è l’Aikido? “ – chiesi all’istruttore di Aikido – “ Prova” – fu la risposta telegrafica!

La risposta la presi come una sfida ed essendo testardo mi presentai alla prima lezione, dopo qualche giorno, armato di tutte le buone intenzioni. E’ inutile dire che fui messo in un angolo del tatami per circa un’ora ad imparare ushiro ukemi, ma non mi prese lo sconforto… anzi la sfida mi piaceva.

Allora c’erano solo sei allievi ed io. Quei sei allievi erano le prime cinture nere del M° Masatomi Ikeda, che si accingeva a tornare in Giappone, poi sarebbe andato in Svizzera.

E’ così che ho iniziato… appartengo alla seconda generazione di aikidoka italiani. Il nostro Maestro Masatomi Ikeda ritornava in Giappone e le lezioni le tenevano dunque le cinture nere. In tutto eravamo 7 persone, ma in quel periodo l’Aikikai si costituiva come Associazione ed in Italia eravamo quattro gatti… solo 5 anni dopo raggiungemmo la cifra record di 2500 persone in tutta Italia. Non c’erano altre federazioni, non c’erano testi, né video… c’era solo il M° Tada, che parlava anche poco. Ogni settimana ci si recava a fare una lezione a Roma e gli stage erano solo tre in tutta Italia, ma ricordo il piacere di incontrarsi tutti. Gli allenamenti erano duri, molto duri – allenamenti che ora non si fanno più – anche 7 ore al giorno con sveglia alle 6.00 , per 12 giorni di seguito negli stages estivi a Desenzano.

Il M° Tada era esigente… e non parlava.

Mi è sempre rimasto l’odore del pulviscolo che si sprigionava dal tatami di paglia di riso ad ogni ukemi; un odore che mi fa venire alla mente i visi di tanti compagni, alcuni anche scomparsi, le loro risate, le gocce di sudore che si mescolavano alle mie.

Ho iniziato ad insegnare a 3° kyu, autorizzato da Tada Shihan e a 1° kyu ero in Svizzera per un anno. Mi allenavo a Basel insieme ad amici come Michele Quaranta e conducevo un dojo a Gelterkinden dove gli allievi erano militari. Dopo esperienze di Dzog Chen con il M° Norbu, nel ’77 credo, aprii il mio dojo, l’Aikikai Napoli e la storia continua tutt’oggi da 43 anni.

Ho tanti ricordi, ma sicuramente aver conosciuto tanti maestri allievi diretti di O Sensei e soprattutto aver fatto con regolarità uke a loro ha un giusto valore per me. Allora si insegnava “kokoro no kokoro” da “ cuore a cuore” ed io ho incontrato i loro cuori.

Sicuramente da ognuno di loro ho appreso direttamente qualcosa: dal M° Tada a Fujimoto, da Hosokawa a Ikeda, ma direi che questi ultimi due mi hanno aperto la mente e determinato il mio Aikido, dove l’associazione con la parte più nascosta e le relazioni fra tecniche e principi universali è una costante.

OVO SAN
Oltre 40 anni di pratica, M° Rino, quando si inizia a praticare la Nostra disciplina si è sempre alla ricerca di qualcosa di interiore. Quale è stata l’ispirazione per la sua ricerca?

BONANNO
Non credo che sempre ci sia una ricerca interiore quando scegliamo di praticare Aikido. Per me questa ricerca c’è stata, perché fa parte degli insegnamenti ricevuti in ambito familiare e la nostra arte un po’ “misteriosa” (come la vedevo da giovane) mi sembrava un buon mezzo per rispondere alle domande che mi ponevo.

Credo che ci siano due tipi di allievi: quelli protesi all’esterno, dando più valore all’efficacia, ai loro movimenti ed al gesto estetico e quelli protesi al proprio interno in cui il kokyu, la respirazione ha un alto valore.
E tutt’ora incontro queste due tipologie.
Spesso non si riesce a trovare una via di mezzo e quindi si verifica il noto fenomeno di cercare qualcosa di spirituale al di fuori dell’Aikido, oppure si passa ad arti marziali più chiare nei loro scopi marziali o competitivi.

Eppure quello che c’è di spirituale o di efficace nell’Aikido è stato sempre lì, solo che non si è riuscito a coglierlo.

Per me in Aikido lo scopo ultimo non è limitarsi all’esecuzione della tecnica, ma sviluppare il giusto atteggiamento mentale per attingere al potenziale creativo. Le tecniche come diceva O Sensei “emergono liberamente, come l’acqua che sgorga da una fontana”.

OVO SAN
Se Le dessero un chicco di riso ogni volta che è salito sul tatami, nutrirebbe lo spirito marziale per anni…ma cosa è lo Spirito Marziale?

BONANNO
Lo Spirito Marziale è completamente diverso dalla spirito sportivo – dici bene quando parli di nutrirlo salendo sul tatami – è lì che si mette a dura prova noi stessi e non in termini puramente fisici, ma nell’accettazione dell’altro, nel limare le proprie asperità di carattere, nel districarsi dagli ostacoli che la stessa disciplina ed il Maestro propongono.

Qualsiasi padronanza della tecnica fine a sè stessa si traduce in un fallimento e conduce quasi sicuramente ad un’ipertrofia dell’Io e qui che scompare lo “Spirito Marziale”.

E’ nel cercare di migliorarsi e proteggere sé stessi e gli altri che compare in tutta la sua forza.

Chi comprende che non c’è alcun scopo di “Potere” nel Budō, ma al contrario il superamento dello stesso e che rappresenta un divenire ed un viaggio meraviglioso nella coscienza del Sé, e che sia proteso non al potere egoistico, ma allo smantellamento di una struttura falsa, allora incarna lo “Spirito Marziale”.

OVO SAN
Se l‘Aikido fosse un romanzo avventuroso per ragazzi, che libro sarebbe?

BONANNO
Mi piacciono le sfide con me stesso e l’incognito.

Sarei indeciso (come amante del mare) fra “Ventimila leghe sotto il mare” e “Viaggio al centro della Terra”; entrambi però hanno in comune l’addentrarsi in un territorio sconosciuto che potrei paragonare al nostro “essere interiore”.
Chi potrebbe impersonare meglio il personaggio di Nemo se non O Sensei? che senza “dire”… esplicitamente ti propone la scoperta di ciò che è dentro di noi e del mondo circostante con occhi diversi.

E poi se penso al secondo romanzo “ Viaggio al centro della Terra”, mi viene in mente il termine alchemico V.I.T.R.I.O.L.U.M
(“Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem Veram Medicinam” e cioè “Visita l’interno della Terra ( il tuo interiore) e, rettificando (te stesso) troverai la pietra occulta, la vera medicina”

E non è quello che facciamo praticando Aikido… andare all’interno, scoprire ed imparare?

OVO SAN
Se riuscisse a guardare nel futuro, come pensa si espanderà la nostra arte? Mischiandosi con altre arti marziali in nuove forme o resisterà la purezza dell’ Aikido?

BONANNO
L’Aikido è in continua evoluzione. La purezza dell’Aikido era solo quella di O Sensei.
Auspico solo, citando il Fondatore, che “persone oneste e gentili” accedano all’Aikido per migliorare sé stessi e la nostra Arte.

L’Aikido non ha forme, né schemi prestabiliti. E’ come un’onda di energia invisibile. La forma, o qualunque contaminazione, può servire, ma poi è solo liberandosi che può realizzarsi quella “indipendenza creativa”, purchè se ne conservino i principi rispondenti alle leggi della natura.

OVO SAN
Il ricordo indelebile del suo Aikido?

BONANNO
Sicuramente l’incontro con il M° Kisshomaru Ueshiba ed il M° Tamura. L’uno mi sembrava così etereo e fragile e fu una scoperta scoprire con quanta facilità mi proiettava, nonostante il mio non collaborare in quel momento giovanile alla “San Tommaso”… del secondo ho apprezzato la gentilezza e pazienza ad insegnarmi Ikkyo per più di mezz’ora quando ero un semplice “mukyu”.
Del M° Ikeda, di cui sono stato uke moltissime volte, ho un ricordo che non si accantonerà mai, perché devo a lui il farmi ragionare sulle tecniche ed i suoi significati più esoterici.

OVO SAN
M° Rino: vuole lasciare un pensiero personale o una riflessione? sarebbe stupendo. Grazie…

BONANNO
Una mia frase che rincuora spesso i miei allievi è “ Cadere e rialzarsi, per poi ricevere e dare”.
Direi se volessi dare una definizione della nostra arte: “Un sistema per entrare in contatto con il Sé, attraverso la pratica della tecnica (Waza), ma utilizzando anche l’energia (Ki) e lo spirito (Shin), in modo da affrontare come nemico un’entità non fisica esterna, ma interna e, nello specifico, “ciò che non siamo realmente”.

E’ come sempre un piacere aver ascoltato le parole di un grande maestro come Rino Bonanno, e un dispiacere allontanarsi da chi ha tanto da raccontare (starei qui delle ore …). Quindi ringrazio ancora il Maestro Rino per la sua disponibilità , e per averci regalato questa magnifica intervista.

Un saluto dal Vostro Ovo San

#Interviste Ovo San su Aikido Italia Network

Copyright Osvaldo Righetto ©2014 Osvaldo Righetto
Tutti i diritti riservati
Pubblicato per la prima volta su:
http://www.aikidorbassano.it/?q=node/336

Annunci