Biografia di Morihiro Saito – Parte 2

Foto cerimoniale con Morihiro Saito e sua moglie

Morihiro Saito e Iwama, Morihiro Saito e O’Sensei: la storia dell’Aikido si dipana nelle parole del grande maestro scomparso ormai 10 anni fa, il cui lavoro è un patrimonio per la comunità aikidoistica nel suo complesso. In questo documento tratto dal libro  “Iwama Ryu Aikido” di Paolo N. Corallini, edito da Sperling & Kupfer nel 1999, l’autore delinea i punti salienti della sua vita e del suo lavoro

di PAOLO N. CORALLINI

Leggi la Prima Parte

O- Sensei ci insegnò due, tre o quattro livelli di esecuzione per ogni tecnica. Cominciava con la forma basica, poi un livello dopo l’altro e finalmente le forme più avanzate. Il fondatore sottolineò che ogni piccolo particolare dev’essere corretto, altrimenti non era una tecnica.
I sempai e i kohai praticavano insieme; naturalmente i sempai eseguivano per primi e quando era il turno dei kohai era già ora di cambiare tecnica. Dal momento che il fondatore aveva pochi studenti in quel periodo, O-Sensei era solito chiamare come partner un po’ tutti noi. Quando il fondatore praticava con i sempai, noi non vedevamo l’ora di poter ricevere direttamente il suo insegnamento”.
Il fatto che Saito Sensei lavorasse nelle ferrovie di stato era una fortuna per il suo allenamento, dal momento che aveva un giorno di riposo dopo ogni giorno lavorativo. Egli trascorreva tutto il suo tempo libero nel dojo con Ueshiba.
Gli allenamenti del mattino consistevano in circa quaranta minuti di preghiera in seiza davanti all’altare dell’Aiki Shrine, seguiti da allenamenti con le armi, se il tempo lo permetteva. In questo periodo della sua vita il fondatore si dedicava quasi esclusivamente allo studio dell’Aiki ken e dall’Aiki jo e alle loro relazioni con il taijutsu. Stava provando le tecniche di base delle armi che poi Saito Sensei avrebbe classificato in un sistema razionale per integrare la comprensione dei taijutsu.
“O-Sensei ci diceva solo di attaccarlo. L’allenamento del ken cominciava così. Poiché io avevo praticato il kendo quando ero ragazzo, in qualche modo riuscivo a far fronte alla situazione. Allora mi disse di preparare un attrezzo per il tanrenuchi (allenamento per colpire con la spada). Così raccolsi un po’ di legna e la utilizzai per costruire questo attrezzo. Comunque O-Sensei si arrabbiò e lo distrusse con il suo ken, dicendomi: “Così sottile è inutile”. Dovevo pensare qualcosa. Tagliai due grossi pezzi di legno e li unii tra loro con due chiodi.

Un giovane Saito in azione

Quando feci così, il fondatore mi lodò. Comunque anche quell’attrezzo durò meno di una settimana: colpivamo in posti diversi per risparmiare il legno, ma dopo una settimana uscii di nuovo per cercare più legna per fare un nuovo attrezzo. C’erano molti alberi sulle colline in quei tempi. Noi usavamo questo sistema per allenarci a colpire con le armi di legno. Come allenamento avanzato venivamo istruiti con quello che oggi chiamiamo ichi no tachi. O?Sensei ci insegnò soltanto questo kumitachi per tre o quattro anni. L’unica altra cosa che facevamo era continuare a colpire fino a essere completamente esausti. Quando eravamo al punto in cui le forze ci stavano abbandonando, il fondatore ci diceva di smettere e ci lasciava andare. Questo era ciò che facevamo nell’allenamento della mattina. Negli ultimi anni ricevetti dal fondatore insegnamenti privati. La povertà del Giappone in quegli anni rendeva ancora più difficile per i pochi studenti del dojo continuare la pratica. Uno dopo l’altro, lavoro e impegni familiari li obbligarono a abbandonare l’allenamento al punto che solo pochissimi rimasero nel dojo. Vedendo la devozione di Morihiro e il suo entusiasmo per l’allenamento, Ueshiba si affezionò sempre di più a lui non solo nella pratica, ma anche nella vita personale. Alla fine soltanto il giovane Saito era rimasto a servire il fondatore. Anche dopo il suo matrimonio, la passione di Morihiro per l’allenamento continuò inalterata. Infatti, la sua giovane sposa cominciò a servire la famiglia Ueshiba, e si prendeva cura personalmente dell’anziana moglie di O-Sensei, Hatsu.

“Alla fine eravamo rimasti solo un piccolo numero di sempai e io. Ogni qualvolta O-Sensei era presente non sapevamo quando ci avrebbe chiamato per aiutarlo. Anche se stavamo raccogliendo il riso e accadeva per caso che O-Sensei ci chiamasse e non eravamo preparati, le conseguenze erano terribili. Molti allievi dovettero abbandonare il dojo a causa dei loro impegni familiari, io potei continuare perché ero libero durante il giorno, dal momento che lavoravo un giorno sì e uno no. A causa del fatto che avevo già un lavoro, il fondatore non doveva pagarmi per i miei servigi. Gli allievi potevano venire nel dojo ma dovevano poter fare a meno di uno stipendio. Servire il fondatore era estremamente duro anche se lo facevi per apprendere un’arte marziale. O-Sensei apriva il suo cuore soltanto a quegli studenti che lo aiutavano dall’alba al tramonto, a coloro che lavoravano e gli massaggiavano le spalle, a coloro che lo servivano a rischio della vita. Dal momento che io gli ero veramente utile, O-Sensei mi insegnò tutto molto volentieri”.
Il fondatore dimostrava generosamente il suo grande affetto e la sua fiducia per il giovane Saito. Quando Morihiro prese l’iniziativa di aiutare il fondatore per risolvere un problema a proposito delle sue proprietà, O-Sensei gli regalò un pezzo di terra. Fu lì che Saito costruì la sua casa, dove visse con la moglie e i figli servendo il fondatore. Alla fine degli anni ’50 la vita e l’allenamento intenso con il fondatore fecero di Saito Sensei uno dei massimi istruttori dell’Aikikai. Egli insegnò regolarmente nel dojo di Iwama in assenza del Fondatore e venne chiamato a sostituire Koichi Tohei nel suo dojo di Utsunomiya quando Tohei partì per le Hawaii. Attorno al 1960 anche Saito cominciò a insegnare settimanalmente all’Aikikai Hombu Dojo di Tokyo ed era il solo istruttore, oltre al fondatore, che poteva insegnare le armi in quel luogo. Le sue lezioni erano tra le più popolari nel Headquarters e per molti anni gli studenti di Tokyo s’incontravano la domenica mattina per praticare taijutsu e bukiwaza con Saito. Dopo la morte del fondatore, avvenuta il 26 aprile 1969, Saito diventò capo istruttore del dojo di Iwama e guardiano dell’Aiki Shrine. Egli servì il fondatore devotamente per 24 anni e la morte di O-Sensei rafforzò la sua decisione di fare ogni sforzo per preservare intatto l’Aikido di Ueshiba.

"Aikido",calligrafia di M. Saito

La pubblicazione nel 1970 dei suoi cinque volumi aiutò a far conoscere il nome di Saito Sensei nel mondo. Questi volumi contengono centinaia e centinaia di tecniche di taijutsu, di Aiki ken e di Aiki jo. I libri contengono inoltre un sistema di classificazione e nomenclatura delle tecniche che oggi è usato in molte parti del mondo. Saito Sensei uscì dal Giappone per la prima volta nel 1974 per dirigere una serie di seminari in California. Per la prima volta un gran numero di praticanti poté sperimentare direttamente l’enciclopedica conoscenza dell’Aikido di Saito Sensei.
Nella metà degli anni ’70 Saito Sensei andò in pensione dalla JNR, dopo trent’anni di servizio. Libero oramai di dedicarsi completamente all’Aikido, cominciò a viaggiare spesso all’estero. Attraverso gli anni Saito Sensei ha creato una rete di istruttori al di fuori del Giappone, che insegnano Iwama Ryu Aikido.
L’lwama Ryu Aikido è diventato sinonimo di un tipo di allenamento in cui si armonizzano perfettamente tecniche di taijutsu e di bukiwaza; al contrario di molte altre scuole che si allenano soltanto nel taijutsu. Nel 1989 Saito Sensei ha inaugurato un sistema per la certificazione degli istruttori di Aiki ken e jo. In questo sistema venivano rilasciati dei rotoli tradizionali scritti a mano a coloro che si dimostravano esperti nell’uso delle armi dell’Aiki. Separato dal sistema dei gradi di taijutsu, l’anima di questa iniziativa è di preservare le tecniche di Aiki ken e Aiki jo, che sono inseparabili dalle tecniche a mani nude dell’Aikido. Questi rotoli includevano i nomi e le descrizioni dettagliate delle tecniche di armi e sono concepiti come gli antichi rotoli della tradizione delle arti marziali. Molte persone, attraverso gli anni, sono venute nel dojo di Iwama per vivere la grande esperienza di ricevere direttamente l’insegnamento di Saito Sensei. Negli ultimi venti anni, migliaia di persone hanno studiato con Saito Sensei.
Forse il successo di Saito Sensei come leader tecnico di Aikido è dovuto al suo atteggiamento verso l’arte, alla sua armonizzazione con la tradizione più pura. Nello stesso tempo, Saito Sensei è stato in grado di organizzare e di classificare centinaia di tecniche di taijutsu e bukiwaza e le loro interrelazioni. Inoltre ha creato metodi di allenamento e di pratica basati su efficaci principi pedagogici tesi ad accelerare i processi di apprendimento. Il potere, la precisione di Morihiro Saito Sensei e la devozione di pochi altri istruttori a lui fedelissimi fanno sì che l’Aikido possa ancora essere stimato oggi come una vera arte marziale.

Morihiro Saito Sensei si è spento il 13 maggio 2002.

Leggi la Prima Parte

Saito Sensei Kinen Koshukai – 10th Anniversary of Saito Sensei’s passing
May, 11th~13th 2012, Palasport Giaveno (TO), Italy

Copyright Paolo N. Corallini©
Ogni riproduzione non espressamente autorizzata dall’autore e’ proibita

Annunci

One thought on “Biografia di Morihiro Saito – Parte 2

  1. Pingback: Biografia di Morihiro Saito – Parte 1 « Aikido Italia Network

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...